Lotta all'Alzheimer: “Siamo contenti”

Lotta all'Alzheimer: “Siamo contenti”
Ticinonews.ch SALUTE

“La prudenza è d’obbligo in questa situazione ma siamo molto contenti perché per la prima volta un medicamento va a toccare i meccanismi patogenici della malattia di Alzheimer”, ha commentato.

“Uno dei fattori principali di rischio per questa malattia è l’età, più avremo anziani più avremo la probabilità di avere malati di questo tipo.

I colleghi di Teleticino ne hanno parlato con il medico e geriatra William Pertoldi che ha risposto ad alcune questioni riguardanti questo farmaco. (Ticinonews.ch)

Se ne è parlato anche su altri media

Ma siamo solo agli inizi di un percorso, e non solo perché la stessa FDA ha richiesto nuove prove cliniche. Ma occorre anche lavorare sull’alterazione della proteina Tau, fondamentale per la vitalità dei neuroni, che in sua assenza muoiono. (DiLei)

L’Aduhelm sarebbe il primo farmaco a intervenire in modo diretto sui meccanismi fisiologici dell’insorgere della malattia, ovvero la formazione di placche betamiloidi sul cervello. L’Fda ha approvato il farmaco a condizione che l’azienda produttrice, Biogen, conduca ulteriori test clinici, dal momento che i risultati della prima fase di sperimentazione sono stati giudicati incompleti. (Startmag Web magazine)

“Siamo consapevoli dell’attenzione che circonda questa approvazione - ha affermato Patrizia Cavazzoni, che dirige il Center for Drug Evaluation and Research dell’Fda -. “Oggi è una giornata storica - commenta su Twitter il virologo Roberto Burioni -. (L'HuffPost)

"Il primo farmaco contro l'Alzheimer cambierà la storia della malattia"

La Fda statunitense ha dato il via libera al primo farmaco per combattere l'Alzheimer dopo 20 anni. Il farmaco consiste in una iniezione al mese per via endovenosa che nella terapia contro l'Alzheimer contribuirebbe a rallentare il declino cognitivo dei pazienti che si trovano allo stadio iniziale della malattia. (IL GIORNO)

Si chiama aducanumab (nome commerciale Aduhelme) e questa bizzarra sequenza di lettere - per quanto difficile da ricordare - segnerà una tappa nella lotta alla malattia diventata un’emergenza mondiale: quasi 25 milioni di persone colpite, al ritmo di un nuovo caso ogni sette secondi. (La Stampa)

E racconta fallimenti e intuizioni del percorso che ha portato all'approvazione americana di Aducanumab. "Il primo farmaco contro l'Alzheimer cambierà la storia della malattia" di Giuliano Aluffi. Parla Ivana Rubino, responsabile medico di Biogen. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr