Superbonus per edifici composti da 2 a 4 unità immobiliari posseduti da un unico proprietario solo se residenziali

Ipsoa ECONOMIA

In sostanza, a seguito della modifica sopra indicata, l'agevolazione spetta anche se gli interventi agevolabili sono realizzati sulle parti comuni di edifici non in condominio in quanto composti da più unità immobiliari (fino a 4) di un unico proprietario o in comproprietà.

La modifica in questione riguarda, in ogni caso, gli edifici composti da 2 a 4 unità immobiliari posseduti interamente (o in comproprietà) da persone fisiche al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arte o professione. (Ipsoa)

La notizia riportata su altri giornali

L’intervento è iniziato nel 2021 e, nello stesso anno, il proprietario dell’abitazione che sarà servita dalla piattaforma ha versato un acconto. (Edilportale.com)

Partendo dalla novità più recente, con la Legge di Bilancio 2022 è stato introdotto il bonus barriere architettoniche, con l’inserimento dell’articolo 119 ter nel testo del Decreto Rilancio (Informazione Fiscale)

L’esonero trova applicazione con riferimento alle spese sostenute a partire dal 12 novembre 2021. Per i correntisti cessionari del credito non è possibile però cederlo successivamente (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr