Riforme, rischi e ritardi dietro il simbolo dell'ambiente in Costituzione

Riforme, rischi e ritardi dietro il simbolo dell'ambiente in Costituzione
Il Manifesto INTERNO

Per la prima volta dal 1948 un’aula parlamentare interviene su uno dei primi 12 articoli della Carta.

La novità riguarda l’ambiente e può essere dunque considerata positiva - così la giudicano tutte le associazioni ambientaliste - perché se e quando il disegno di legge costituzionale sarà promulgato (la procedura, com’è noto, è lunga) all’articolo 9 si aggiungeranno la

Ha approvato la modifica di uno dei principi fondamentali della Costituzione. (Il Manifesto)

Su altre fonti

117 della Costituzione riservandone la potestà legislativa allo Stato: “s) tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali”. In realtà, a tacere sul fatto che la Corte Costituzionale si è più volte espressa sull’importanza dell’ambiente come bene fondamentale della Repubblica, resta che di tutela dell’ambiente parla già l’art. (Il Fatto Quotidiano)

Il testo passa ora alla Camera: trattandosi di una modifica di rango costituzionale, , l’iter è più complesso rispetto a quello previsto per le leggi ordinarie. Primo sì in Senato per il disegno di Legge che introduce la tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi in Costituzione. (Corriere della Sera)

La modifica riguarda l'art.9 della Carta, che al momento recita: "La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica (La Repubblica)

Il Senato approva il ddl sulla tutela dell'Ambiente nella Costituzione con 224 sì

Il Ddl introduce tra i principi fondamentali di tutela previsti dall'articolo 9 della Costituzione, «la tutela dell'ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi, anche nell'interesse delle future generazioni». (La Stampa)

Infine un terzo punto specifica che «la tutela dell’ambiente è fondata sui principi della precauzione, dell’azione preventiva, della responsabilità». (Avvenire)

Non ci sono stati voti contrari, gli astenuti sono stati 23, tra questi il gruppo compatto di Fratelli d'Italia.Il provvedimento passa all'esame della Camera, poiché si tratta di ddl costituzionale avrà bisogno di quattro lettureIl disegno di legge prevede che venga modificato l'articolo 9 della Costituzione con l'aggiunta del comma in cui si precisa che "La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr