Basket, il futuro della A nella parola "licenze"

La Repubblica La Repubblica (Sport)

Il secondo, ancor più importante, è un nuovo criterio di organizzazione dei campionati, basato su un sistema di licenze.

L'ha detto il presidente della Lega Umberto Gandini, al termine della conferenza stampa con cui ha annunciato l'addio al progetto di allargamento della massima serie.

Su altre testate

Il regolamento non consente allo stesso proprietario di possedere quote di maggioranza di due club della stessa serie. Perché queste società, e altre (Ravenna, Udine, Scafati), hanno detto no. (La Repubblica)

Dopo avere annunciato il 15 maggio il campionato a 18 squadre, stasera dopo l'assemblea delle società, il presidente della Legabasket Umberto Gandini ha detto che le formazioni della massima serie saranno 16. (L'Unione Sarda.it)

Su questo argomento è intervenuto il patron del Basket Torino e della Dinamo Sassari Stefano Sardara che ha parlato così attraverso le colonne di Tuttosport:. "La delibera della LBA era chiara. Sempre che Roma e Cremona confermino poi la propria partecipazione, sulla quale ad oggi permangono forti dubbi, entro il 31 Luglio. (Basketmarche.it)

“Se ne parlerà solo il 4 agosto, non è un tema reale” chiosa il presidente. Niente Serie A per il Basket Torino Reale Mutua. (Basketinside)

La Lega non fa fuori Torino, ma è Torino che non sarebbe ripescata. Intervista sull’edizione torinese de la Repubblica per Stefano Sardara, che ha fatto il punto della situazione sulla vicenda relativa al ripescaggio in A della Reale Mutua Torino. (Sportando)

Pistoia ha ufficializzato la richiesta di riposizionamento in Serie A2, Pesaro invece è riuscita a ‘gettare il cuore oltre l’ostacolo’. Il 15 giugno 2020 ci siamo trovati con 16 squadre aventi diritto di giocare in Serie A. (Tuttobolognaweb)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr