Sputnik V sotto più di una lente

Sputnik V sotto più di una lente
Altri dettagli:
Ticinonline ESTERI

Si tratta, ha precisato la direttrice esecutiva dell'Ema, Emer Cooke, di una prassi ordinaria che rientra nel normale processo di valutazione

La procedura di "rolling review" per lo Sputnik V è stata avviata dall'Ema agli inizi di marzo.

A innescare l'indagine, che sarà determinante per l'approvazione del preparato russo nei confini europei, ci sarebbe la denuncia presentata da alcuni militari, che sostengono di aver ricevuto pressioni dall'alto per prendere parte ai trial. (Ticinonline)

Se ne è parlato anche su altri giornali

In Europa al momento solo Ungheria e Slovacchia hanno bypassato l’Ema con una autorizzazione d’emergenza nazionale che ha permesso loro di usare lo Sputnik. L’Agenzia Ue è la prima autorità pubblica del mondo a esaminare le carte di Sputnik, finora validate solo da Lancet. (la Repubblica)

I dubbi dell’Ema. La prossima settimana avrà inizio una delle fasi più delicate e importanti del processo di rolling review, ossia quello della valutazione del rispetto delle norme etiche e delle procedure scientifiche universalmente concordate. (InsideOver)

A rivelarlo nelle scorse ore è stato il ministro regionale della salute Klaus Holetschek:. La produzione dello Sputnik V in Europa. A metà dello scorso mese il RDIF ha annunciato di aver raggiunto accordi sulla produzione congiunta dello Sputnik V con aziende italiane, spagnole, francesi e tedesche (Sputnik Italia)

Sputnik, dubbi sui test effettuati sul vaccino russo: l'Ema avvia un'indagine, "violazioni etiche e scientifiche"

Il vaccino russo non è meglio degli altri vaccini, si comporta come tutti i suoi simili ad adenovirus. A tre giorni dalla missione per l’ispezione dei siti di produzione in Russia, il Financial Times scrive che l’Agenzia europea per i farmaci (Ema) la prossima settimana avvierà un’indagine per verificare se durante la sperimentazione clinica del vaccino russo Sputnik V siano state violate le norme etiche e scientifiche concordate a livello internazionale. (Il Fatto Quotidiano)

Lo dichiara il commissario europeo Thierry Breton che è a capo della task force per la produzione dei vaccini, con particolare riferimento al vaccino russo Sputnik e a quelli cinesi. La lotta alla pandemia Covid-19, la Germania avvia colloqui per un eventuale acquisto del vaccino russo Sputnik V Il ministro della Sanità, Spahn, ha motivato questo passo con la decisione della commissione europea di non negoziare a nome dei 27. (Rai News)

Tra i motivi per cui l'Europa non crede nello Sputnik V il fatto che Mosca abbia difficoltà produttive e il fatto che prima e seconda dose sono differenti. Si tratta dell'Austria che, tramite il suo cancelliere Sebastian Kurz, non ha escluso che approvi il vaccino Sputnik V prima dell’Ue. (Liberoquotidiano.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr