Il Registro Elettronico ancora non va: ci vorranno giorni

Il Registro Elettronico ancora non va: ci vorranno giorni
Più informazioni:
Libero Tecnologia INTERNO

Il Registro Elettronico di Axios Italia non è ancora online e non lo sarà ancora per diversi giorni, a differenza di quanto comunicato ieri dall’azienda che prevedeva di ripristinare la piena funzionalità della sua piattaforma per le scuole entro oggi.

Insegnanti e alunni che hanno un profilo registrato sulla piattaforma di Axios, invece, devono aspettare che tutto si risolva prima di poter tornare a scrivere e leggere il Registro Elettronico. (Libero Tecnologia)

Ne parlano anche altri media

Il primo consiglio per docenti e alunni è dunque quello di cambiare la password di tutti gli altri servizi online che utilizzano le stesse credenziali di accesso al registro elettronico. (Cyber Security 360)

Tutto per colpa di un attacco degli hacker chen ha mandato fuiori uso il registro elettronico. L'attacco hacker, sabato scorso, ha colpito i sistemi di Axios Italia, azienda leader in Italia che sviluppa software per la gestione da remoto e in digitale della segreteria scolastica (Segreteria Digitale, Registro Elettronico e Scuola Trasparente). (QUOTIDIANO.NET)

“Ancora qualche giorno di pazienza”. Dopo le rassicurazioni giunte dalla stessa Axios e il messaggio ‘postato’ nel quale si parlava di ripristino del R.E. Nel sito internet si invitano anche i dirigenti scolastici a visionare le indicazioni fornite dalla stessa Axios in merito alla gestione della protezione dei dati personali. (Tecnica della Scuola)

Attacco hacker all’azienda che gestisce 4 registri elettronici su 10

Dal 3 aprile scorso la piattaforma fornita dalla società Axios Italia Service Srl ha una serie di malfunzionamenti. QUALI DATI CONTIENE IL RE. (Startmag Web magazine)

Ma nel giorno del rientro in classe, allievi e professori sono stati accolti da alcuni disagi informatici. L’annuncio è arrivato direttamente dalla società appaltatrice che fornisce il servizio al 40% degli istituti scolastici italiani, la Axios (Open)

“Abbiamo subito un attacco hacker che ha messo fuori uso il nostro sistema di gestione del registro elettronico. Da sabato mattina è iniziato il lavoro di ripristino: “Abbiamo distrutto il nostro cloud per rifare tutto di nuovo potenziando – specifica l’amministratore unico – il nostro sistema di sicurezza (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr