Napoli, il sangue di San Gennaro non si scioglie (per la seconda volta di seguito)

Napoli, il sangue di San Gennaro non si scioglie (per la seconda volta di seguito)
Corriere del Mezzogiorno INTERNO

«Che il sangue si sciolga o resti nella sua immodificata sacralità ci rimanda al sangue di Cristo, sempre vivo nella speranza e nella sofferenza di tutti noi», ha aggiunto.

«In queste ampolle confluiscono come affluenti perenni i rivoli di sangue che sgorgano dalle ferite aperte di questa città, dai dolori dei suoi figli.

Il vero tesoro di San Gennaro non è nelle pietre preziose ma è la sua gent»”

Ma è anche il sangue che ci racconta delle ferite delle tante famiglie della Whirlpool (Corriere del Mezzogiorno)

Ne parlano anche altri giornali

San Gennaro, il sangue non si scioglie: cosa accade adesso? Il sangue di San Gennaro non si è liquefatto. (Notizie.it )

Già nella giornata di ieri non si era ripetuto il miracolo della liquefazione così come non era successo nemmeno lo scorso dicembre. Dopo la celebrazione eucaristica l’arcivescovo Mimmo Battaglia alla presenza di 200 persone ha nuovamente tirato fuori l’ampolla e costatato che il sangue era ancora solido. (Il Riformista)

Miracolo mancato. Neppure a dicembre il sangue si era liquefatto e per i napoletani ciò rappresenta un cattivo presagio, anche se ieri l'arcivescovo Battaglia aveva spiegato che non bisogna leggere nel mancato miracolo segnali per la propria vita. (NapoliToday)

Napoli. Al secondo giorno di preghiera, il sangue di San Gennaro si è sciolto: l’omelia

Tirano un sospiro di sollievo i fedeli, visto che la mancata liquefazione del sangue verificatasi a dicembre si era ripetuta anche ieri e stamattina Quando ormai sembrava tutto perduto si è ripetuto finalmente il miracolo di San Gennaro (NapoliToday)

Milano, 2 mag. (LaPresse) - Si è ripetuto il prodigio della liquefazione del sangue di San Gennaro, patrono di Napoli. (LaPresse)

Non c’è piaga sociale e ferita comunitaria che non abbia diritto di cittadinanza in questo reliquiario così prezioso, apice meraviglioso dell’intero tesoro di San Gennaro. La processione si svolgeva in ricordo della Traslazione delle Reliquie del Santo dal cimitero posto nell’agro marciano, nel territorio di Fuorigrotta, fino alle Catacombe di Capodimonte, poi denominate, per questa ragione, di San Gennaro. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr