Napoli, lavoratori dello spettacolo bloccano via Colombo

Napoli, lavoratori dello spettacolo bloccano via Colombo
La Repubblica INTERNO

La manifestazione si è spostata per alcuni minuti fuori alla stazione marittima, dove i lavoratori hanno attuato un blocco stradale per alcuni minuti.

Alcune centinaia di attivisti e lavoratori del mondo dello spettacolo (Coordinamento Arte e spettacolo Campania) hanno occupato via Cristoforo Colombo davanti al Molo Beverello, a due passi dal teatro Mercadante dove si stava svolgendo la manifestazione del settore a un anno dalla chiusura dei teatri. (La Repubblica)

Su altri media

Presente anche l'attore Alessandro Bergonzoni che si augura al più presto una riapertura dei teatri e dei luoghi della cultura in sicurezza. Anche a Bologna lavoratrici e lavoratori dello spettacolo sono scesi in piazza per chiedere al governo un intervento concreto ad un anno esatto dallo stop agli eventi culturali dovuto all'emergenza sanitaria. (BolognaToday)

A Milano un gruppo di studenti appartenenti a diverse scuole e un gruppo di lavoratori dello spettacolo hanno occupato gli spazi dell’ ex cinema Arti in via Mascagni. “ Ci siamo riappropriati di uno spazio abbandonato per fare una lezione dove parleremo di spettacolo, cultura e istruzione . (Il Fatto Quotidiano)

Chiedono lo sblocco immediato dei ristori rimasti in sospeso e la tempestiva convocazione di un tavolo Interministeriale che coinvolga anche loro, i lavoratori. Erano un centinaio oggi pomeriggio in piazza Cavour, davanti al teatro Galli, uno dei tanti luoghi simbolo della cultura rimasto tristemente chiuso da un anno. (News Rimini)

Artisti, tecnici e pubblico: il mondo dello spettacolo scende in piazza a Genova

Dope le luci accese ieri sera dai teatri, i lavoratori dello spettacolo oggi hanno manifestato a Palermo per chiedere la riapertura di cinema e teatri e una riforma del settore. Si sono dati appuntamento ancora una volta in piazza Verdi per chiedere di tornare in scena dopo quattro mesi di stop. (La Repubblica)

Oggi si è svolta la protesta delle lavoratrici e dei lavoratori dello spettacolo, che sono scesi in Largo di Torre Argentina a Roma con megafoni e striscioni, per chiedere al governo Draghi la riapertura di cinema e teatri. (Fanpage.it)

Spettacolo e cultura sono la nostra identità e il volano della ripartenza del Paese" Ma c'è anche il pubblico in piazza che non vede l'ora di tornare in platea. (Primocanale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr