Leclerc, che rabbia: parolacce e delusione, il pilota Ferrari si sfoga - Video

Leclerc, che rabbia: parolacce e delusione, il pilota Ferrari si sfoga - Video
AutoMotoriNews SPORT

Il team radio di Charles Leclerc alla fine del Gp di Silverstone: tutta la delusione del monegasco per la vittoria sfumata. Sembrava impossibile, invece era lì: Charles Leclerc ha coltivato il sogno della vittoria praticamente per tutta la gara.

Lo testimonia il team radio dello stesso Leclerc una volta passato sotto la bandiera a scacchi.

Resta la sensazione di una Ferrari in progresso e di un monegasco pronto a fare il suo quando c’è l’occasione

Il dispiacere accumulato per quel sorpasso avvenuto a due giri dal termine è stato troppo forte per trattenere qualche parolaccia. (AutoMotoriNews)

La notizia riportata su altri media

Ecco la traduzione dei team radio di Leclerc durante i tagli di potenza del motore sofferti nel corso del Gran Premio di Silverstone. Trascrizione team radio di Leclerc. Charles Leclerc: “No! (F1inGenerale)

Credo che non sarà l’ultimo che vedremo in questa stagione 2021 specialmente se le prestazioni delle due vetture saranno similari. L'episodio dell'incidente di Verstappen è stato decisivo, ma dove ha vinto la gara Hamilton? (Sky Sport)

Su F1-News trovi tutte le notizie più interessanti del mondo della Formula 1 per un sito praticamente al 100% dedicato a questo sport. Great to be on the podium and it shows the progress we have made but also shows that we're not there yet. (F1-News.eu)

Ferrari: il lavoro al simulatore sta dando i suoi frutti

Hamilton non tiene il passo, Leclerc inizia ad allungare, arrivando a 2 secondi e mezzo con la Ferrari che dava la piena impressione di averne ancora. Bella, bellissima Silverstone, fantastica la gara, da cardiopalma il primo giro, incidente o meno. (FormulaPassion.it)

Da parte nostra buon ritmo in gara, era importante per noi dopo il disastro in Francia. Cercheremo di fare una gran qualifica, partire davanti e poi fare una buona gara” (TIMgate)

“Siamo ovviamente dispiaciuti – ha commentato Binotto – però alla fine Hamilton era più veloce e non potevamo tenerlo dietro. E allora diventa importante capire come sia stata possibile una metamorfosi di una macchina che in realtà altro non era che la copia di sé stessa (Motorsport.com Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr