OPI Piemonte chiede a Regione tavolo tecnico per la formazione complementare dell'OSS

OPI Piemonte chiede a Regione tavolo tecnico per la formazione complementare dell'OSS
Nurse Times SALUTE

«Un iter – puntualizza Sciretti – che veda il professionista Infermiere come responsabile dell’assistenza Infermieri stica, sulla base dell’articolo 1 del DPR 739/94».

Un tavolo tecnico per arrivare a un percorso formale di formazione complementare dell’Operatore Socio Sanitario nel territorio regionale: è quanto il Coordinamento regionale piemontese degli Ordini delle Professioni Infermieristiche ha chiesto al presidente della Regione Alberto Cirio, all’assessore piemontese alla sanità Luigi Icardi e alla collega di Giunta con deleghe alle politiche sociali Chiara Caucino. (Nurse Times)

Su altre testate

L’Anguilla caratterizza da anni la pesca del Polesine perché trova nel Delta del Po il suo habitat ideale ed è per questo classificata tra i prodotti agroalimentari tradizionali. In passato nelle zone del Delta del Po si pescava ovunque: nei fossi, nei canali e nei maceri utilizzati per la canapa (pesceinrete.com)

Il tutto, assegnando competenze come l’esecuzione di elettrocardiogrammi e come la somministrazione di farmaci, che sono invece specificatamente appannaggio di figure che hanno seguito percorsi formativi diversi”. (RovigoOggi.it)

L’approvazione della delibera ha scatenato reazioni veementi da parte del Coordinamento degli Ordini delle professioni infermieristiche della Regione Veneto e delle organizzazioni sindacali. In questo momento l’alternativa è la pura e semplice assenza di risposte ai bisogni degli anziani e delle loro famiglie. (L'Amico del Popolo)

Autolesionismo. Problema diffuso tra la popolazione adulta, ma in special modo tra gli adolescenti.

Inoltro una mia prima esperienza di somministrazione di vaccini anticovid2, se potete pubblicarla ne sono felice.Buona Pasqua.Angelo. Pur vivendo in un periodo di forti limitazioni, la vita scorre con il solito traffico nelle vie del paese. (Nurse Times)

Di lavorare in un reparto Hospice lo scelto io volevo lavorare ha contattato con i malati terminali. Quello che mi fa più rabbia è che non è riconosciuto il nostro lavoro, questo vale per tutte le categorie che lavorano in un reparto Hospice (AssoCareNews.it)

L’autolesionismo può essere spiegato come “qualsiasi atto auto-inflitto che crea un danno personale” (O’Donovan e Gijbels, 2006). Oltre a questo, classifica l’autolesionismo in due categorie: autolesionismo senza intento suicida e autolesionismo con intento suicida. (AssoCareNews.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr