Afghanistan, Di Maio: Salvaguardare diritti e sicurezza a partire da donne

Afghanistan, Di Maio: Salvaguardare diritti e sicurezza a partire da donne
LaPresse ESTERI

(LaPresse) – “Il sistema delle Nazioni Unite ha un ruolo cruciale.

Dobbiamo assicurarci che alle organizzazioni internazionali, agli attori umanitari e a tutti coloro che ne hanno bisogno sia garantito un accesso pieno, sicuro e incondizionato a tutte le aree del Paese.

Dobbiamo prestare particolare attenzione alla salvaguardia dei risultati in termini di diritti, sicurezza e benessere delle donne e delle ragazze”. (LaPresse)

Su altri media

(LaPresse/AP) – Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, parlando al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, ha affermato che il mondo ha “l’obbligo morale” di continuare ad aiutare il popolo afghano e ha detto che la Germania “incrementerà in modo significativo” i suoi aiuti umanitari per l’Afghanistan, indicando però che tali aiuti continueranno solo se i diritti saranno rispettati (LaPresse)

“A Rimini un immigrato ha accoltellato cinque persone tra cui un bambino, ma per la Lamorgese ‘poteva capitare ovunque’. “Se succedono episodi come quelli di Rimini, il problema sono io che chiedo più sicurezza? (LaPresse)

Si tratta di un aereo della compagnia pakistana Pia proveniente Islamabad. (HelpMeTech)

Afghanistan, Maas: Pronti ad aumentare aiuti ma rispettare diritti

Secondo lui, la co-educazione è stata imposta dal governo filo-occidentale negli ultimi 20 anni, mentre le università chiedevano un’istruzione separata Abbiamo deciso di separarci (uomini e donne) perché la coeducazione è contraria ai principi dell’Islam e alle nostre tradizioni”, ha affermato Haqqani. (askanews)

È stata infatti posta la bandiera dell’organizzazione sul palazzo del governo del Paese, a Kabul. Talebani, il significato della loro bandiera. (Notizie.it )

Un dipendente dell'aeroporto, responsabile della sicurezza per una società privata, ha confermato che la polizia era stata dispiegata intorno all'aeroporto già ieri "Sono tornato al lavoro ieri, più di due settimane dopo essere stato mandato a casa", ha detto uno dei poliziotti che ha voluto mantenere l'anonimato. (tvsvizzera.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr