Studenti contro no green pass al corteo dei Cobas a Roma: strappati i manifesti e gli striscioni

Studenti contro no green pass al corteo dei Cobas a Roma: strappati i manifesti e gli striscioni
Fanpage.it INTERNO

Una trentina in tutto, tra lavoratori e ragazzi più giovani, sfilavano dietro allo striscione no green pass.

Studenti contro no green pass al corteo dei Cobas a Roma: strappati i manifesti e gli striscioni Momenti di tensione durante la manifestazione per lo sciopero generale indetto dai sindacati di base.

Uno spezzone composto da alcuni studenti si è staccato per fronteggiare un ristretto gruppo di manifestanti no green pass. (Fanpage.it)

Su altre fonti

Così la tua area personale sarà sempre più ricca di contenuti in linea con i tuoi interessi Autorizzaci a leggere i tuoi dati di navigazione per attività di analisi e profilazione. (Corriere TV)

'Servi', 'buffoni', 'venduti', 'i fascisti siete voi', 'servi dei padroni' sono alcuni dei cori del corteo rivolti alla Cgil e al segretario Landini. Arrivati di fronte alla Camera del Lavoro un gruppo di manifestanti ha rivolto cori e insulti ai sindacalisti della Cgil in presidio davanti alla sede milanese. (MilanoToday.it)

A Firenze la manifestazione principale della Toscana e un lungo corteo da piazza Puccini fino a piazza Adua. Sciopero di Cobas nei trasporti, nella scuola e nella sanità. In corteo a Firenze oltre 1.500 manifestanti del sindacati di base e una nutrita delegazione dei lavoratori della Gkn di Campi. (TGR – Rai)

Classi e pullman sovraffollati. Gli studenti in sciopero chiedono sicurezza a Mario Draghi

L'Asl di Novara ha quindi comunicati che i servizi erogati, fatti salvi quelli indispensabili garantiti per legge, potranno subire interruzioni o ritardi – Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali ha proclamato lo sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati, ad oltranza dalla mezzanotte del 15 ottobre alle mezzanotte del 20 ottobre 2021. (NovaraToday)

È anche una giornata storica per il sindacalismo di base che oggi, per la prima volta, unisce tutte le sue sigle nello sciopero collettivo. Scuola, trasporti, sanità, le aree di confronto e scontro, le cui criticità hanno trovato espressione, in particolare, nelle manifestazioni di Cagliari, a cui ha partecipato anche chi veniva da Sassari. (Sassari Oggi)

Al centro della protesta la richiesta di un rientro in sicurezza e l’opposizione ai nuovi piani di riforma della scuola presenti nel PNRR. «Oggi è solo l’inizio» conclude Boccuni «questo governo non rappresenta gli interessi di studenti e lavoratori (Tarantini Time)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr