Afghanistan, Guerini: Personale civile afghano in Italia da meta giugno

Afghanistan, Guerini: Personale civile afghano in Italia da meta giugno
Approfondimenti:
LaPresse ESTERI

Verranno trasferiti in Italia a partire da metà giugno”.

Così il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, ad Herat in occasione dell’ammaina bandiera per la conclusione della missione Nato nel Paese

Herat, 8 giu.

(LaPresse) – “Non abbandoniamo il personale civile afghano che ha collaborato con il nostro contingente ad Herat e le loro famiglie: 270 sono già stati identificati e su altri 400 si stanno svolgendo accertamenti. (LaPresse)

Su altre fonti

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev Questo non cambia tuttavia la nostra attenzione per l'Afghanistan". (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

In oltre venti anni, si sono alternati in Afghanistan più di 50.000 militari di tutte le Forze Armate con assetti terrestri, aerei e delle forze speciali. (AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency)

Si è ammainata la bandiera nella base del contingente italiano, albanese e statunitense ad Herat. La smobilitazione della base è iniziata il primo maggio e vedrà liberato il luogo definitivamente tra qualche settimana. (Video - La Stampa)

Afghanistan, lo schiaffo degli Emirati all'Italia: festa rovinata per l'ammaina bandiera dopo 20 anni di miss…

Così il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, a Herat in occasione dell'ammaina-bandiera per la conclusione della missione Nato nel Paese Questo non cambia tuttavia la nostra attenzione per l'Afghanistan". (Corriere TV)

“Non vogliamo che l’Afghanistan torni ad essere un luogo sicuro per i terroristi. “I Paesi con le truppe in partenza dovrebbero impegnarsi ad assistere chi si trova ad affrontare un pericolo per aver lavorare per loro” (infodifesa.it)

Afghanistan, lo schiaffo degli Emirati all'Italia: festa rovinata per l'ammaina bandiera dopo 20 anni di missione dal nostro inviato Paolo Brera. L'aereo dell'Aeronautica militare atteso alle 9.30 locali ad Herat è stato costretto dal governo di Abu Dhabi a fare marcia indietro e ad atterrare in Arabia Saudita. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr