Italia: il 2022 è l'anno più arido di sempre

Italia: il 2022 è l'anno più arido di sempre
Approfondimenti:
Corriere del Ticino INTERNO

La riduzione maggiore, del -52% ha colpito il Nord, leggermente inferiore invece al Centro-Sud con -42% rispetto agli accumuli medi.

«Abbiamo un -46% di precipitazione cumulata da inizio anno a fine luglio per l'Italia rispetto agli accumuli medi sul trentennio 1991-2020.

Per il momento il 2022 resta l'anno più siccitoso dal 1800 ad oggi», ha commentato all'ANSA Michele Brunetti dell'ISAC-CNR

Con precipitazioni quasi dimezzate (-46% delle precipitazioni cumulate), il 2022 in Italia è ad oggi l'anno più siccitoso di sempre cioè dal 1800, da quando vengono rilevati i dati a livello nazionale. (Corriere del Ticino)

La notizia riportata su altri giornali

«Se il 2022 finisse adesso sarebbe l’anno più caldo di sempre», ha commentato all’ANSA Michele Brunetti dell’ Isac-Cnr. La riduzione maggiore, del -52% ha colpito il Nord, leggermente inferiore invece al Centro-Sud con -42% rispetto agli accumuli medi (Il Sole 24 ORE)

Tuttavia, come precisano gli esperti, i dati non si riferiscono alle previsioni per i prossimi mesi, pertanto si dovrà attendere la fine dell’anno per capire se il 2022 può essere considera l’anno più caldo di sempre Dunque, fino ad oggi, il 2022 può essere considerato l’anno più caldo di sempre. (Informazione Ambiente)

Che questa sia un’annata eccezionalmente calda e priva di pioggia lo hanno percepito tutti gli italiani, alle prese in questi giorni con l’ennesima ondata di canicola di origine nordafricana. (La Provincia di Biella)

Il 2022 è l’anno più caldo di sempre: quanto ci costa la siccità

I primi sette mesi proiettano il 2022 come l’anno più caldo di sempre: luglio appena concluso ha fatto registrare un +2,26 gradi sopra la media italiana dal 1800 (da quando vengono rilevati i dati) ad oggi e nel complesso i primi 7 mesi dell’anno fanno registrare un +0,98 gradi. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Ma non è ancora finita: questo week end dovremo affrontare ancora l’apice del caldo con picchi di 38-40°C all’ombra. Ce lo dicono i primi sette mesi, che hanno stracciato numerosi record di caldo precedenti e innescato un’impatto devastante della siccità sulle campagne italiane con danni per oltre 6 miliardi di euro. (Metropolisweb)

Da gennaio inoltre si è registrato quasi il 50% della quantità d’acqua precipitata al suolo mediamente in Italia negli ultimi 30 anni. Siccità e caldo: il 2022 è il peggiore della storia. Con piogge praticamente dimezzate rispetto all’anno precedente (-46% delle precipitazioni cumulate) il 2022 è ad oggi l’anno più siccitoso di sempre. (QuiFinanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr