Coronavirus, contestazioni in Senato? La Casellati sbotta: "Tenete le mascherine, basta urlare"

Coronavirus, contestazioni in Senato? La Casellati sbotta: Tenete le mascherine, basta urlare
Liberoquotidiano.it Liberoquotidiano.it (Interno)

"Lei è un monumento all'incoerenza", tuona il senatore del Movimento 5 Stelle nei confronti dell'ex alleato di governo, scatenando la reazione della Lega.

La Casellati sbotta: "Tenete le mascherine, basta urlare".

Su altri giornali

Bagarre in Senato nel corso dell’intervento del capogruppo M5S, Gianluca Perilli . “Ci deve essere coerenza, i comportamenti devono essere credibili. Senatore Salvini, si ricorda quando diceva che bisognava riaprire tutto ? Lei è un monumento all’incoerenza. (Il Fatto Quotidiano)

In Aula dopo l’informativa del premier Conte | AGTW - CorriereTv. «Tenete le mascherine e smettete di urlare»: lo dice la presidente dl Senato Elisabetta Alberti Casellati ai senatori che si scambiano improperi dopo che Gianluca Perilli (M5S) ha attaccato Matteo Salvini (Living)

M5S si infiamma in Senato. Si infiamma il dibattito al Senato per l’intervento del capogruppo del Movimento 5 Stelle Gianluca Perilli che attacca il centrodestra per le critiche rivolte al governo. «Tenete le mascherine e smettete di urlare“: lo dice la presidente dl Senato Elisabetta Alberti Casellati ai senatori che si scambiano improperi dopo che Gianluca Perilli (M5S) ha attaccato Matteo Salvini (Metropolitan Magazine Italia)

Gianluca Perilli, del Movimento 5 Stelle, ha infatti attaccato Giorgia Meloni e Matteo Salvini per la loro propaganda. Per saperne di più sull'intervento del Senatore -- https://www.money.it/Coronavirus-Peri... (Money.it)

“E c’è chi diceva senatore Salvini - ha poi continuato il pentastellato durante il suo intervento - che bisognava aprire tutto e adesso dice che bisogna chiudere tutto. Infine il senatore Perilli ha rinfacciato a Salvini e alla Meloni come “se si presenta una legge sull’abolizione del pareggio di bilancio mi dovete spiegare perché lo avete approvato quando è stato approvato”. (Money.it)

Questo lo dobbiamo alla memoria dei nostri defunti, all'interesse superiore della salute e della sicurezza di tutti gli italiani". (Il Messaggero)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.