AstraZeneca e trombosi, Ema: i sintomi da valutare

AstraZeneca e trombosi, Ema: i sintomi da valutare
Adnkronos INTERNO

Gli eventi rari sono stati riportati nei sistemi Eaa e nel Regno Unito, dove circa 25 milioni di persone hanno ricevuto il vaccino"

I tecnici dell'Ema, dopo aver affermato che c'è "un possibile legame fra il vaccino covid AstraZeneca e casi molto rari di trombosi", fanno notare l'importanza del riconoscere tempestivamente questi campanelli d'allarme e intervenire.

Sono questi i segnali degli eventi avversi legati alle trombosi. (Adnkronos)

La notizia riportata su altri giornali

L’EMA conferma che il rapporto rischio-beneficio complessivo rimane positivo. Il comitato per la sicurezza dell’EMA ( PRAC ) ha concluso oggi che i coaguli di sangue insoliti con piastrine basse dovrebbero essere elencati come effetti collaterali molto rari di Vaxzevria (precedentemente COVID-19 Vaccine AstraZeneca). (Radio Più)

La maggior parte dei casi si è verificata in donne sotto i 60 anni di età, soprattutto nelle prime due settimane dalla somministrazione della prima dose. Il sistema immunitario si attiva così contro la proteina Spike e produce gli anticorpi (Genova24.it)

Ema su AstraZeneca: «I benefici superano i rischi. Possibile nesso con le trombosi rare. Non dimostrati legami tra gli eventi e l’età»

«Gli eventi rari di trombosi cerebrale sono effetti collaterali molto rari del vaccino di AstraZeneca». Gli eventi rari di trombosi cerebrale sono effetti collaterali molto rari del vaccino di AstraZeneca». (il Caudino)

"Penso che da Ema - ha spiegato - arriverà una decisione in un unico senso, perché già Francia e Germania hanno deciso Tuttavia “non ci sono rischi generalizzati nella somministrazione del vaccino, quindi non abbiamo ritenuto necessario raccomandare misure specifiche per ridurre il rischio”. (Il Piccolo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr