Capo politico M5s, è atteso il verdetto: dai giudici dipendono le mosse di Conte

Capo politico M5s, è atteso il verdetto: dai giudici dipendono le mosse di Conte
SardiniaPost INTERNO

In quell’occasione l’assemblea aveva deciso di introdurre un Comitato direttivo di cinque membri al posto del capo politico.

Prima di annunciare ufficialmente il progetto per il M5s, Giuseppe Conte, oltre a quello di Rousseau, ha da sciogliere il nodo del pronunciamento della Corte d’Appello di Cagliari

I destini del Movimento Cinquestelle e della futura leadership dell’ex premier Giuseppe Conte appesi alle decisioni dei giudici della Corte d’Appello di Cagliari. (SardiniaPost)

Ne parlano anche altri media

Giuseppe Conte è pronto a rivoluzionare il M5S. Con l’ex premier alla guida, il MoVimento prova a rinascere con l’intenzione restare distante dai valori dei partiti tradizionali (Inews24)

Conte non vuole, o forse non può, fermato anche dall’ingombrante figura di Beppe Grillo, padre padrone che ha posto il veto sulla rivoluzione delle carte bollate. Senza quelle schede digitali non si può cambiare lo Statuto, senza un nuovo Statuto Conte non può essere plebiscitariamente legittimato, senza legittimazione plebiscitaria non c’è un nuovo leader. (L'HuffPost)

Secondo i media, nelle prossime ore il Movimento 5 Stelle si dovrebbe separare dall'Associazione Rousseau. La notizia è stata confermata da Giuseppe Conte al termine dell'assemblea notturna con i capi-commissione dei pentastellati. (Sputnik Italia)

Giuseppe Conte, il leader che si logora per non logorarsi

Cinque Stelle e Rousseau stanno dialogando (almeno stando ai vertici del Movimento) sottotraccia per un accordo, un divorzio consensuale che - secondo quanto avrebbe detto Conte ai capigruppo M5S delle Commissioni, potrebbe avvenire «nelle prossime ore». (Corriere della Sera)

Ma al Pd cosa ne pensano? Secondo il cronista però i fatti storici non reggono la tesi di Conte: «stavi con Salvini e venivi elogiato da Trump (con il memorabile “Giuseppi”, ndr) sui migranti». (Il Sussidiario.net)

Del vecchio Movimento non è rimasto quasi più niente. Naturalmente il sovranismo non c’entra niente con la Costituzione, ma il Conte 1 doveva pur giustificare in qualche modo l’alleato Salvini. (La Nazione)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr