Individuato il paziente zero con variante brasiliana

Individuato il paziente zero con variante brasiliana
umbriacity.it INTERNO

Sono 554 i ricoverati negli ospedali dell’Umbria, di cui 85in terapia intensiva, e 7.864 in isolamento presso il proprio domicilio.

La donna era di ritorno dall’Amazzonia, positiva alla variante brasiliana fu ricoverata in diversi ospedali della regione, per ultimo a Perugia, dove si registrò la positività di circa 60 sanitari, alcuni di loro sottoposti già a vaccinazione.

Proprio oggi arriva una grande notizia, sarebbe stato individuato il paziente zero dal quale poi sarebbero partiti i vari focolai di variante brasiliana, la notizia sarebbe venuta fuori dagli stessi ambienti sanitari colpiti dal virus. (umbriacity.it)

La notizia riportata su altre testate

La richiesta era arrivata dalla federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche ed è stata rivolta a tutti gli iscritti con l’obiettivo di ricordare tutti gli infermieri che hanno perso la vita a causa del Covid. (anteprima24.it)

Il 21 febbraio si scopre anche un focolaio a Vo’ Euganeo e si registra il primo morto a Padova. Il paziente 1 viene identificato in un 38enne di Codogno, Mattia Maestri, ricoverato la notte tra il 20 e il 21 febbraio. (Corriere TV)

È il 21 febbraio 2020. Mattia Maestri, 38 anni, sportivo, manager, da qualche giorno ricoverato in ospedale, è il primo paziente italiano positivo al coronavirus. Il Comune di Codogno chiude bar e ristoranti e in meno di 72 ore viene isolata, l’Esercito la circonda e viene dichiarata la prima zona rossa in Italia. (LaC news24)

Coronavirus, un anno dal 'paziente uno'

“Era arrivato in ospedale in condizione gravissime - ricorda il professor Bruno che insieme alla sua équipe e a quella di Rianimazione lo ha curato -. Il professor Raffaele Bruno è il direttore del reparto di Malattie infettive del Policlinico San Matteo di Pavia. (RSI.ch Informazione)

La Direzione Strategica dell’Azienda Moscati, nel ricordare i tanti operatori sanitari uccisi dal virus, esprime un particolare pensiero di vicinanza alla famiglia dell’infettivologo Mario Claudio Magliocca, dirigente medico dell’Unità operativa di Malattie Infettive, deceduto lo scorso dicembre in un reparto Covid del suo ospedale, dove, finché ha potuto, ha lavorato con passione, profondo senso del dovere e grande umanità (LabTV)

Il paziente 1 viene identificato in un 38enne di Codogno, Mattia Maestri, ricoverato la notte tra il 20 e il 21 febbraio. Un anno fa la notizia del primo contagiato da Sars-CoV 2 in Italia. (Tiscali.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr