Stellantis: i piani di Tavares per gli stabilimenti italiani

Il Primato Nazionale ECONOMIA

Gli altri stabilimenti italiani. Nel suo tour il ceo portoghese non si è fatto mancare una tappa in Irpinia

Roma, 23 gen – Il gruppo Stellantis spegne la prima candelina.

Nel giro di poche ore, però, lo stesso Tavares (conscio di aver calcato troppo la mano) ha rassicurato i dipendenti di alcuni stabilimenti.

Ci sono però siti in cui non mancano le buone notizie per i dipendenti di Stellantis.

Il ceo Carlos Tavares ha colto al balzo l’occasione per lanciare qualche frecciatina a Palazzo Chigi lasciando nell’incertezza gli operai italiani. (Il Primato Nazionale)

Ne parlano anche altri giornali

Queste parole sarebbero state proferite in quel di Pratola Serra, dove Mister Tavares si è recato recentemente in visita. Euro 7 a Pratola Serra: perchè Stellantis vuole scommetterci. Qualcosa si muove anche per quel che concerne gli altri stabilimenti del Gruppo, ad esempio a Melfi i turni saliranno da quindici a diciassette, il tutto grazie anche ad un accordo raggiunto con i vari sindacati (Autoappassionati.it)

Con molta probabilità arriverà entro la fine del prossimo anno e sarà prodotto nello stabilimento di Pratola Serra. Il Gruppo Stellantis ha investito oltre 30 miliardi di euro in questa delicata fase di transizione energetica, nell’ambito del suo rivoluzionario programma rientra lo sviluppo di un nuovo propulsore estremamente pulito. (Money.it)

– Questa mattina la maggioranza consiliare ha presentato un ordine del giorno per discutere sulla questione della Gigafactory che interessa da vicino lo stabilimento Stellantis di Termoli. (Molise News 24)

Per questo è oggi la maggioranza di centrodestra al Comune di Termoli – nel silenzio pressoché totale delle minoranze – a chiedere un impegno al sindaco Roberti sulla questione. Anche i sindacati hanno mostrato una certa preoccupazione e in attesa del Piano industriale che verrà svelato l’1 marzo, hanno aperto il tavolo permanente sulla questione Gigafactory. (Primonumero)

Il primo firmatario è il consigliere comunale di maggioranza Vincenzo Sabella che, di intesa con il con tutti gli altri consiglieri di maggioranza, ha chiesto al sindaco Francesco Roberti e alla Giunta Comunale di impegnarsi per "Sollecitare gli organi del Governo Italiano e del Governo Regionale affinchè pongano in essere tutte le iniziative possibili a garantire che la scelta per la costruzione della Gigafactory ricada sul Molise e nelle specifico nella stabilimento Stellantis di Termoli". (Altomolise.net)

Assembramenti questa mattina fino al pomeriggio davanti alla casa comunale dove vengono ritirati atti giudiziari o altri documenti ubicata nella palazzina della ex direzione all'interno della fiera del Mediterraneo di Palermo dove a quasi cento metri si trova il centro vaccinale dentro il quale vengono effettuate le somministrazioni. (Trapani Oggi - Notizie di cronaca, politica, attualità Trapani)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr