Stop al superbonus, niente proroga

Il Fatto Vesuviano ECONOMIA

Vale a dire 72 rate, senza che il contribuente debba «documentare la temporanea situazione di obiettiva difficoltà»

Entro questa settimana dovrebbero chiudersi i lavori delle commissioni Bilancio e Finanze sul dl aiuti, che – oltre al Superbonus – potrebbe accogliere anche una modifica sui debiti fiscali.

Alt a qualsiasi nuova proroga al Superbonus, i fondi a disposizione sono finiti.

È un nuovo braccio di ferro quello che si consuma tra il governo e la maggioranza. (Il Fatto Vesuviano)

Se ne è parlato anche su altri media

Superbonus, il comparto dell’edilizia in fermento per lo stop alla proroga. Infatti grazie al 110 oggi molte abitazioni sono meno energivore e una recente ricerca ha calcolato che se riuscissimo ad efficientare tutte le strutture che ne hanno bisogno riusciremo a raggiungere un risparmio energetico del 70%. (Il Mattino di Padova)

«Chi ha creduto e investito nel superbonus non va ora lasciato con il “cerino in mano” – ribadisce il presidente di CNA Treviso -. «Non è affatto l’ideale passare, in modo così repentino, da una misura super permissiva, qual è il 110%, al nulla. (TrevisoToday)

Di fatto adesso il bonus potrebbe diventare la miccia per far esplodere definitivamente la maggioranza. Uno dei pretesti per lo strappo che potrebbe utilizzare il Movimento Cinque Stelle, come ricorda Domani, è proprio questo: la sospensione del Superbonus. (Liberoquotidiano.it)

Il superbonus 110% non verrà prorogato, ma il governo e la maggioranza stanno trattando sulla possibilità di cedere i crediti prodotti dai bonus edilizi non solo alla banche, ma a tutti i soggetti professionali e le partite Iva, escludendo solo i privati. (Wired Italia)

In ogni caso ad andarci di mezzo saranno quelle persone che a causa di tante truffe perderanno i sostegni Secondo gli ultimi dati forniti dall’Enea, a maggio scorso erano già esauriti tutti i 33,3 miliardi stanziati per il Superbonus fino al 2036, e anzi le richieste sarebbero già a 33,7 miliardi. (LA NOTIZIA)

“Nel nostro Paese, se si parla del settore edile, il 50% delle imprese arriva a due dipendenti, il 75% arriva a cinque “Non si può fermare la macchina così, in una situazione già critica di per sé”, commenta Pino Comanzo, presidente di Cna Costruzioni Toscana. (LA NAZIONE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr