RUMORS DAL M5S/ Morra, Lezzi e la variante “Dibba”: cosa rischiano davvero i 5 Stelle

RUMORS DAL M5S/ Morra, Lezzi e la variante “Dibba”: cosa rischiano davvero i 5 Stelle
Approfondimenti:
Il Sussidiario.net INTERNO

“È il peso della democrazia partecipativa”, commenta una “gola profonda” che appartiene all’ala governista dei 5 Stelle.

Intanto il Movimento 5 Stelle si è spaccato su Rousseau e a palazzo, con la conseguente espulsione di 31 parlamentari dai gruppi di Camera e Senato per il loro “no” a Draghi.

Nel mentre si intasano le chat dei No Berlusconi, leggasi No Draghi.

“L’avvocato degli italiani” aveva quindi tracciato la linea per i “portavoce” e gli attivisti 5 Stelle: “transizione ecologica, transizione digitale, equità sociale”. (Il Sussidiario.net)

Ne parlano anche altri giornali

In poche parole, dopo l’annuncio di espulsione dal gruppo fatto da Vito Crimi, dovrebbero andarsene anche da Palazzo Madama Questo era il nuovo testo della Costituzione, proposto dai 5 Stelle: «Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni con il vincolo di mandato popolare. (L'Espresso)

Le interviste sono disponibili anche tra i podcast di Sky TG24, il nuovo servizio della testata per raccontare l’attualità da una prospettiva più laterale Lo afferma Nicola Morra, presidente della Commissione Antimafia, su Sky TG24 a “L’Ospite”, condotto da Massimo Leoni. (ilFormat)

Chi ha scelto di votare diversamente ha scelto di chiamarsi fuori da questo gruppo, lasciando dei vuoti. IL NUOVO GOVERNO M5S verso la scissione da Grillo: Di Battista e le nuove strategie. (Il Mattino)

Ortis: «Draghi penserà più alle banche e alla finanza che ai cittadini italiani»

(Adnkronos). Al momento sarebbero 21 i deputati espulsi dal gruppo M5S dopo il voto di fiducia al governo Draghi. Dopo l'espulsione dei senatori per il no all'esecutivo, la decisione del capo politico del Movimento Vito Crimi ha colpito anche i deputati (Adnkronos)

Non si calmano le fibrillazioni nel Movimento 5 stelle dopo il voto di fiducia al governo Draghi con il capo politico Vito Crimi che fa sapere che “i 15 senatori che hanno votato no alla fiducia saranno espulsi. (Siracusa News)

Certo, ma non ha specificato se si vuole cancellare da Rousseau, se vuole uscire dal Movimento, se vuole costruire un progetto nuovo Tra i quindici senatori del Movimento 5 stelle espulsi per non aver votato la fiducia al governo Draghi c'è anche Fabrizio Ortis. (DiariodelWeb.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr