Metalli ko con paura recessione, rame sotto gli 8 mila dollari MILANO

RagusaNews ECONOMIA

Male anche il nichel che cede il 5,8%, lo zinco (3,8%), l'alluminio (2,4%) e il piombo (2%)

Metalli in picchiata alla Borsa di Londra in scia ai timori per una brusca frenata dell'economia mondiale.

Il prezzo del rame scivola per la prima volta dal febbraio 2021 sotto gli 8 mila dollari alla tonnellata (3,5%).

(RagusaNews)

Se ne è parlato anche su altri media

Il prezzo del rame scivola per la prima volta dal febbraio 2021 sotto gli 8 mila dollari alla tonnellata (-3,5%). Pubblicità (La Sicilia)

Ancora meglio fa il petrolio, che riprende a salire a dispetto dell'incertezza sull'outlook economico, con wti e brent in rialzo di oltre 1,5 punti percentuali, rispettivamente, a 107,4 e 110,7 dollari al barile. (La Sicilia)

Questi significa che non ci saranno restrizioni sulla produzione, ma se la domanda non cresce il prezzo calerà. Il rame, il cui prezzo è l’indicatore delle previsioni di andamento economico-industriale, visti gli ampi usi, oggi è letteralmente precipitato. (Scenarieconomici)

Il rame è sceso sotto gli 8.000 dollari la tonnellata, toccando il minimo dall’inizio del 2021, poiché i crescenti timori di un rallentamento economico globale stanno provocando una disfatta nei mercati dei metalli industriali. (Money.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr