Crocifisso a scuola, arriva la sentenza della Cassazione che fa discutere

Crocifisso a scuola, arriva la sentenza della Cassazione che fa discutere
ultimaparola.com INTERNO

Il fatto è accaduto 12 anni fa, da allora contro il provvedimento ingiusto, l’insegnante ha iniziato una battaglia giudiziaria.

Esporre il crocifisso nelle aule della scuola non è una condotta discriminatoria.

In classe si può esporre il crocifisso quando la comunità scolastica valuti e decida di esporlo.

Per la Corte infatti al crocifisso «si legano, in un Paese come l’Italia, l’esperienza vissuta di una comunità e la tradizione culturale di un popolo». (ultimaparola.com)

La notizia riportata su altri media

“I giudici della Suprema Corte confermano che il crocifisso nelle aule scolastiche non crea divisioni o contrapposizioni, ma è espressione di un sentire comune radicato nel nostro Paese e simbolo di una tradizione culturale millenaria”. (MilanoPost)

Adesso il prof, a distanza di quasi tre lustri, si dice soddisfatto per l’evoluzione della vicenda giudiziaria. Il rammarico per il professor Metastasio è che “questa sentenza arrivi ben 13 anni dopo i fatti” (Tecnica della Scuola)

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno affermato che la disposizione del regolamento degli anni venti del secolo scorso – che tuttora disciplina la materia, mancando una legge del Parlamento – è suscettibile di essere interpretata in senso conforme alla Costituzione. (PaeseRoma.it)

Crocifisso in aula, la sentenza della Cassazione contestata da Suor Alfieri: «È come gli altri simboli? Allora togliamoli tutti»

Condividi. Inizia. Puoi selezionare il secondo di avvio del contenuto che vuoi condividere. Termina. Puoi selezionare il secondo in cui puoi far terminare il contenuto che vuoi condividere. (Radio Radicale)

(Fonte tgcom24.mediaset.it) “L’aula può accogliere la presenza del crocifisso – si legge nella sentenza 24414 – quando la comunità scolastica interessata valuti e decida in autonomia di esporlo, eventualmente accompagnandolo con i simboli di altre confessioni presenti nella classe e in ogni caso ricercando un ragionevole accomodamento tra eventuali posizioni difformi”. (Papaboys 3.0)

Si avrà una società anonima, livellata verso il basso, senza conoscenza e senza storia. «Vogliamo mettere accanto al crocifisso i simboli delle altre religioni? (leggo.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr