Vaiolo delle scimmie, segnalato il primo caso in Lombardia: la conferma arriva dall'Ospedale Sacco di Milano

La Provincia Pavese SALUTE

Leggi anche

Il laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica dell'Ospedale Sacco di Milano ha infatti confermato la diagnosi di positività del campione prelevato da un un paziente che presentava appunto sintomi riconducibili al vaiolo delle scimmie.

Segnalato anche in Lombardia il primo caso di positività al vaiolo delle scimmie.

(La Provincia Pavese)

Se ne è parlato anche su altri media

Torna a nuova vita la Basilica di Santa Giulia a Bonate Sotto (BG), restaurata grazie ai fondi del Piano Lombardia e del FAI. Recuperiamo e valorizziamo un bene storico del territorio, un luogo incantevole che merita di essere conosciuto”. (MI-LORENTEGGIO.COM – LE ULTIME NOTIZIE DI CRONACA, POLITICA, ANNUNCI, SPORT, FOTO E VIDEO DI MILANO E LA LOMBARDIA)

Il dato è che al momento entrambi i pazienti sono ora in isolamento nel loro domicilio, sotto osservazione e in condizioni stabili non preoccupanti. (Notizie.it )

La conferma dell'infezione è stata dell'ospedale Sacco di Milano, centro di riferimento nazionale per le emergenze infettivologiche insieme allo Spallanzani di Roma. Entrambi i pazienti sono ora in isolamento presso il loro domicilio, sotto osservazione e in condizioni stabili non preoccupanti. (La Sicilia)

“La regione Lombardia ha attivato tutte le procedure necessarie per tenere il vaiolo delle scimmie sotto controllo", ha sottolineato la numero due della giunta Fontana. In Lombardia, dove martedì sera è stato ufficialmente diagnosticato il primo caso di vaiolo delle scimmie - il sesto in tutta Italia -, la situazione è assolutamente nella normalità. (MilanoToday.it)

Quanto all'allarme per i rapporti tra omosessuali, Galli afferma: «Togliamoci dalla testa l'idea fasulla che si tratti di una peste gay». «Ho avuto notizia di un sesto caso di vaiolo delle scimmie preso in carico dall'Istituto Spallanzani» di Roma «con un link di ritorno dalle Canarie. (ilmessaggero.it)

«I rischi per la popolazione restano molto contenuti». LUBIANA. Secondo i medici il virus non è molto aggressivo. (Il Messaggero Veneto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr