Dopo la Siae, l’attacco alla San Carlo. Ecco i documenti nelle mani degli hacker: come funzionano i ricatti sui dati

Open INTERNO

Questa volta è stato il turno di San Carlo Gruppo Alimentare Spa, l’azienda nota soprattutto per le patatine che si possono trovare praticamente in tutti i bar d’Italia.

L’ultimo archivio pubblicato dei dati Siae è da 1,6 Gb, molti di più di quelli pubblicati per San Carlo.

La differenza tra San Carlo e Siae. Ci sono due differenze a tra il caso Siae e il caso San Carlo

Stessa situazione per San Carlo. (Open)

Ne parlano anche altre testate

Il gruppo impiega centinaia di lavoratori e milioni di euro di vendite. Come tutti i grandi gruppi è un bersaglio perfetto per il cybercrime". (AGI - Agenzia Italia)

Roma, 26 ott – Ad agosto la Regione Lazio, la scorsa settimana la Siae e adesso la San Carlo. L’attacco hacker alla Regione Lazio. Lo scorso agosto a subire un attacco hacker, con malware Emotet inoculato, era stato il Centro elaborazione dati (Ced) della Regione Lazio (Il Primato Nazionale)

L'azienda italiana San Carlo, vera istituzione nel mondo delle patatine fritte e degli snack, è stata vittima di un attacco hacker. L'azione, rivendicata sul dark web da una gang di criminali informatici denominata "Gruppo Conti", è stata compiuta tramite un Cryptolocker - una forma di ransomware che infetta i sistemi Windows e cripta i dati della vittima. (Ticinonline)

Il colosso alimentare, con sede a Milano, non ha dato seguito alla richiesta e ha presentato denuncia alla Polizia Postale di Milano Attacco hacker alla società San Carlo, leader nella produzione di patatine. (ilmattino.it)

In una recente analisi di Palo Alto Networks, società di cybersecurity, si legge che è “uno dei più spietati tra le decine che monitoriamo In una nota diramata dopo la pubblicazione dei dati in rete, San Carlo ha fatto sapere: “I nostri tecnici hanno riscontrato un’intrusione nei nostri sistemi informatici. (Wired Italia)

Questa mattina sul dark web sarebbero già stati diffusi alcuni dei documenti trafugati, che in tutto peserebbero 53 mega bite Sempre secondo le prime informazioni sarebbero stati trafugati anche documenti relativi al budget e alcuni documenti particolarmente sensibili come passaporti, patenti e documenti di identità di alcuni dipendenti. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr