«Vaccinateci, vogliamo riaprire le nostre attività»

«Vaccinateci, vogliamo riaprire le nostre attività»
Prima Treviglio INTERNO

E ha scritto alla Regione, per chiedere che tra le categoria “a rischio” vengano inserti anche gli operatori del settore “beauty”.

Breno nominato referente lombardo. E proprio Andrea Breno, parrucchiere romanese, è stato contattato da Garofalo e nominato nei giorni scorsi referente lombardo per l’associazione.

Ora chiediamo che tutti i titolari di attività, siano esse barbieri, parrucchieri o centri estetici, vengano inseriti con priorità tra i beneficiari della vaccinazione, in modo tale da consentire a tutto il relativo indotto di riaprire quanto prima”

Parrucchieri ed estetisti chiedono la vaccinazione per poter riaprire le loro attività. (Prima Treviglio)

Ne parlano anche altre testate

«In particolare, da due settimane il rischio della Regione è moderato - ha specificato il presidente della regione - l'Rt è sotto l'uno e anche l'indice di contagiosità è ridotto. Quindi credo che ci siano tutte le condizioni per poter chiedere la zona arancione» (La Gazzetta di Mantova)

E al momento siamo ancora sopra la soglia critica: rispettivamente 286. La regione, però, è in zona rossa dal 6 aprile e per cambiare colore devono passare 15 giorni, secondo la nuova ordinanza del Ministero della Salute. (IL GIORNO)

Con 54.280 tamponi effettuati sono stati 2.537 i nuovi casi positivi: registrati in Lombardia, per una percentuale del 4,6%. Sono stati 130 i decessi, che portano il totale da inizio pandemia a 31.503 (L'Eco di Bergamo)

Monti: "Lombardia da zona arancione. Auspichiamo un rapido cambio di colore"

In questo caso oltre ai positivi ci sono anche i decessi, i guariti e in alcuni casi la fascia d’età I decessi oggi sono stati moltissimi, +130 in un solo giorno (ieri erano stati comunque molti, +109). (ilSaronno)

«Non ho certezze, ma la situazione migliora e penso presto potremo presto diventare arancione». Ci sono almeno tre ottimi motivi per cui la Lombardia settimana prossima diventi arancione, guadagnando quel minimo di normalità in più che il mondo dei commercianti ormai aspetta come ossigeno per uscire dall’apnea economica in cui sta sprofondando. (Corriere della Sera)

Ritengo sia doveroso quindi il passaggio in zona arancione». «I dati danno piena conferma al miglioramento dell’andamento epidemiologico sul territorio regionale – spiega Emanuele Monti – di conseguenza auspico non si perda tempo nell’autorizzare il cambio di colore, soprattutto per dare respiro alle attività economiche, messe in ginocchio dalle restrizioni degli ultimi mesi» (varesenews.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr