Norvegia, l’opposizione di centrosinistra vince le elezioni - L'Unione Sarda.it

Norvegia, l’opposizione di centrosinistra vince le elezioni - L'Unione Sarda.it
L'Unione Sarda.it ESTERI

Questo dovrebbe facilitare i negoziati per formare un governo di coalizione, che si prospettano ancora lunghi e delicati.

Milionario di 61 anni che ha portato avanti una campagna contro le disuguaglianze sociali, il probabile capo del prossimo governo sostiene infatti - non diversamente dai suoi avversari conservatori - un'uscita dolce e graduale dall'economia petrolifera

I cinque partiti attualmente all’opposizione vincono 104 dei 169 seggi allo Storting, il parlamento unicamerale norvegese. (L'Unione Sarda.it)

Ne parlano anche altre testate

volta a sinistra dopo otto anni di conservatori al potere in Norvegia, ma non è ancora chiaro se i laburisti vittoriosi governeranno in coalizione solo con altri partiti di centrosinistra contrari all'addio immediato al petrolio, come socialisti di sinistra o Centro (Agrari), oppure se per avere la governabilità dovranno aprire le porte della coalizione anche ai Verdi (Mpg) e ai comunisti (Rodt) i quali chiedono l'addio immediato al greggio e la svolta green radicale nel Paese europeo primo produttore di petrolio (La Repubblica)

A Gahr Støre il compito di fare sintesi, ma per la prima volta dal 1959 il centro-sinistra sarà nello stesso momento alla guida di tutti e cinque i Paesi nordici “Come partito vincitore, ci assicureremo che la Norvegia abbia un nuovo governo e un nuovo corso. (EuNews)

Sia il partito conservatore sia i laburisti sostengono un abbandono graduale dell’energia legata al petrolio e al gas. Nella coalizione uscite vincente dal voto, secondo gli osservatori, le fratture più significative riguardano in particolare le esplorazioni petrolifere nei mari. (Il Fatto Quotidiano)

Norvegia: elezioni, proiezioni danno vittoria a opposizione - TVS tvsvizzera.it

Fino a pochi minuti prima della chiusura dei seggi, alle 21 di lunedì, nel quartier generale allestito in un albergo nel cuore di Oslo, i dirigenti di Høyre (destra) erano fiduciosi di ribaltare i sondaggi che, da tre mesi, li vedevano in caduta libera. (Il Manifesto)

Sfruttamento a oltranza dei combustibili fossili, che rendono ricchissima la Norvegia, oppure svolta ecologica con taglio delle emissioni di CO2, a salvaguardia dell’ambiente In altre parole, Covid è un elemento del voto, ma non è determinante, come accade praticamente ovunque nel mondo. (L'HuffPost)

Si prevede che i cinque partiti di opposizione vincano 104 dei 169 seggi allo Storting, il parlamento unicamerale norvegese, abbastanza per estromettere la coalizione di destra conservatrice di Erna Solberg, come mostrano le proiezioni. (tvsvizzera.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr