Covid, controlli in terme e centri benessere: chiuse 11 strutture, il 15% ha delle irregolarità

Covid, controlli in terme e centri benessere: chiuse 11 strutture, il 15% ha delle irregolarità
La Sentinella del Canavese INTERNO

Le attività di controllo hanno interessato complessivamente 628 strutture e attività, accertando irregolarità in 95 di esse, pari al 15% degli obiettivi ispezionati, delle quali 11 oggetto di provvedimenti di sospensione a causa di gravi carenze.

Leggi anche Covid, il monitoraggio dell’Iss: frenata dei contagi dopo il rientro dalle ferie.

I Carabinieri dei Nas, d'intesa con il Ministero della Salute, hanno condotto su tutto il territorio nazionale una campagna di controlli presso terme, centri benessere e spa per verificare il rispetto delle norma anti-Covid. (La Sentinella del Canavese)

La notizia riportata su altri media

In tutti i casi non sono state riscontrate irregolarità, contrariamente a quello che è accaduto nel resto dell'Italia. Sono 10, in tutto, i controlli eseguiti dai Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Salute di Udine eseguiti di recente nei centri termali, spa e centri benessere del Friuli Venezia Giulia. (Telefriuli)

Pubblicità. I Nas di Palermo hanno segnalato all’autorità sanitaria i legali responsabili di due centri benessere ubicati rispettivamente nei comuni di Valderice (TP) e Palermo, per non avere inibito l'accesso degli utenti al bagno turco (ambiente caldo-umido) per il quale è vietato l’utilizzo dalle misure di contenimento del Covid-19. (La Sicilia)

Blitz nelle terme e nei centri benessere di tutta Italia (e anche dell'Umbria) da parte dei carabinieri dei Nas che, d'intesa con il ministero della Salute, "hanno condotto su tutto il territorio nazionale una campagna di controlli presso le strutture preposte a offrire servizi e trattamenti destinati al benessere psicofisico, come stabilimenti termali, centri benessere e spa". (PerugiaToday)

Covid, controlli Nas in terme e spa: chiuse undici strutture. «Niente mascherine e assenza di sanificazione»

Una delle due strutture ricettive era priva dei titoli autorizzativi per il centro benessere, peraltro interessato da carenze strutturali ed igieniche, per il quale e’ stata avanzata proposta di chiusura (il Fatto Nisseno)

A Palermo e Valderice chiuse due strutture. I Nas di Palermo hanno segnalato all’autorità sanitaria i legali responsabili di due centri benessere ubicati rispettivamente nei comuni di Valderice e Palermo, per non avere inibito l’accesso degli utenti al bagno turco (ambiente caldo-umido) per il quale è vietato l’utilizzo dalle misure di contenimento del Covid-19. (Diretta Sicilia )

Complessivamente sono state segnalate 98 persone all'Autorità giudiziaria e amministrativa, eseguendo il sequestro di oltre 660 kg di prodotti alimentari detenuti presso le aree di ristoro e somministrazione delle attività, contestando violazioni amministrative per 97mila euro. (leggo.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr