Nucleare iraniano, raggiunto accordo con gli ispettori Aiea

Nucleare iraniano, raggiunto accordo con gli ispettori Aiea
Ticinonews.ch ESTERI

Lo ha dichiarato il direttore generale dell’agenzia Rafael Grossi che, citato da IRNA, ha aggiunto: “Abbiamo raggiunto intese tecniche bilaterali, secondo le quali l’Aiea potrà continuare le sue attività di verifica e supervisione per un periodo di tre mesi”.

“Abbiamo raggiunto risultati accettabili e trovato soluzioni temporanee nel corso dei colloqui di oggi a Teheran riguardo alla scadenza del 23 febbraio, giorno in cui l’Iran ha annunciato il ritiro dal Protocollo aggiuntivo e la limitazione delle ispezioni dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea)”. (Ticinonews.ch)

Se ne è parlato anche su altri media

"Avremo meno accesso (rispetto ad ora), dobbiamo essere onesti, ma conserviamo un accesso sufficiente", ha detto Grossi parlando nell'aeroporto della capitale austriaca. Poche ore dopo però l'ayatollah Ali Khamenei, guida suprema della Repubblica Islamica, ha usato toni duri. (AGI - Agenzia Italia)

L'INTERVISTA Corea del Nord, Luttwak: «Ma quali testate nucleari, hanno solo. Iran pronto a riaprire il reattore ad acqua pesante di Arak. Lo ha annunciato Rafael Grossi, il direttore generale dell'Aiea, che ieri ha incontrato a Teheran diversi funzionari iraniani, tra cui il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif. (Il Gazzettino)

Non c'è una di queste lande che non sia piagata dalla guerra, o almeno non sia a forte rischio Potenza del profumo, miracolo dell'incenso: trasforma l'ignobile nel sublime, l'umano nel trascendente, il troppo umano nel divino. (Yahoo Notizie)

Iran: Francia, Germania e Gb, 'rammarico per limiti a ispezioni Aiea'

Da una parte, l’Iran vorrebbe rassicurazioni sulla cancellazione delle sanzioni prima di sedersi al tavolo negoziale, arrivando a minacciare di bloccare le ispezioni dell’Agenzia internazionale per l’Energia atomica (AIEA). (L'HuffPost)

TG di venerdì 19.02.2021. Il paese aveva formalmente chiesto che alcune sanzioni introdotte dagli Stati Uniti venissero levate entro oggi, martedì. Secondo l’AIEA l’Iran avrebbe accumulato una quantità di uranio impoverito pari a 14 volte quanto stabilito dagli accordi conclusi nel 2015, dai quali l’amministrazione Trump si era chiaramente distanziata. (RSI.ch Informazione)

E' quanto si legge in una nota dei tre Paesi europei firmatari dell'accordo sul programma nucleare iraniano (Jcpoa), nella quale si definiscono le azioni di Teheran "un'ulteriore violazione dei suoi impegni" presi nell'ambito dell'intesa. (OlbiaNotizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr