Astrazeneca: si può anticipare la somministrazione della seconda dose

Astrazeneca: si può anticipare la somministrazione della seconda dose
GiovinazzoLive.it SALUTE

È ovviamente necessario presentare l’attestazione di avvenuta prima somministrazione del vaccino

Così recita il comunicato della Asl Bari che indica anche chi potrà anticipare la conclusione del ciclo vaccinale.

«Per andare incontro alle diverse esigenze individuali, anche in vista dell’estate, ASL Bari dà la possibilità agli utenti che hanno ricevuto la prima dose di vaccino Astrazeneca ad aprile di anticipare la somministrazione della seconda tra domani e giovedì». (GiovinazzoLive.it)

Ne parlano anche altre testate

Domani e giovedì 10 giugno due giornate dedicate alle anticipazioni delle seconde dosi con vaccino Astrazeneca. Chi ha effettuato la prima dose di Astrazeneca fra il 12 e il 13 aprile può anticiparla giovedì 10 giugno secondo ordine alfabetico: cognome A- K dalle 9 alle 13; cognome L-Z dalle 15 alle 19. (Ruvolive.it)

Vediamo perché. La ragazza di 18 anni con trombosi venosa cerebrale dopo il vaccino AstraZeneca ricoverata all'ospedale San Martino di Genova rimane in condizioni "stabili nella loro gravità". (Today.it)

Ancora più netto il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia: “Noi confermiamo che non facciamo gli open day per gli under 60 con AstraZeneca e Johnson&Johnson”. La comunità scientifica, aggiunge, “avrebbe dovuto parlare con una solo voce sul vaccino AstraZeneca e non lasciare alle raccomandazioni. (Il Fatto Quotidiano)

Pisa, 41enne grave dopo il vaccino L'immunologa del Meyer: «Stop Astrazeneca sulle donne giovani»

Sono circa 600 tra i 18 e i 60 anni i liguri che hanno cancellato le prenotazioni per il vaccino Astrazeneca in seguito al caso di trombosi che ha colpito una ragazza genovese di 18 anni che il 25 maggio era stata vaccinata proprio con Astrazeneca. (SavonaNews.it)

I prossimi appuntamenti vaccinali nel Lazio. (Fanpage.it)

A causa di un ictus, una 41enne è ricoverata in condizioni molto gravi nella terapia intensiva dell’ospedale universitario di Pisa. Per l’immunologa, per le giovani che hanno fatto già la prima dose, si dovrebbe fare il richiamo con Pfizer o Moderna (Corriere Fiorentino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr