Covid, nuova strategia italiana per bloccare l'infezione e le varianti. Speranze per un farmaco

Covid, nuova strategia italiana per bloccare l'infezione e le varianti. Speranze per un farmaco
Gazzetta del Sud SALUTE

In questo senso, infatti, le potenziali tossicità degli acidi nucleici come farmaci sono di gran lunga inferiori rispetto ad altri farmaci innovativi come gli anticorpi monoclonali o altre proteine terapeutiche»

Arriva dalla ricerca italiana una nuova strategia di precisione per ostacolare l’infezione del coronavirus e la sua rapida diffusione tra le cellule, destinata a essere la base di un nuovo farmaco, per il quale è già stato depositato un brevetto. (Gazzetta del Sud)

Ne parlano anche altre testate

Prove di soccorso in uno degli scenari organizzati in Piemonte per l'esercitazione nazionale dei vigili del fuoco. (LaPresse) Soccorritori acquatici in azione sul lago di Viverone, nel torinese, con le moto d’acqua. (LaPresse)

Arriverà dalla ricerca scientifica italiana una nuova strategia di precisione per ostacolare l’infezione del Coronavirus e la sua rapida diffusione tra le cellule, destinata a essere la base di un nuovo farmaco, per il quale è già stato depositato un brevetto. (IVG.it)

Covid, nuova scoperta sulla "porta d'ingresso" nelle cellule umane: una ricerca italiana ribalta tutto Un nuovo studio italiano modifica profondamente quello che sappiamo sul metodo di ingresso del coronavirus nelle cellule umane. (Virgilio Notizie)

Covid, registrato da scienziati italiani un brevetto per un composto che chiude la “porta” usata…

Arriverà dalla ricerca scientifica italiana una nuova strategia di precisione per ostacolare l'infezione del Coronavirus e la sua rapida diffusione tra le cellule, destinata a essere la base di un nuovo farmaco, per il quale è già stato depositato un brevetto. (PisaToday)

La strada che condurrà al farmaco è iniziata con lo studio (disponibile su https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1043661821005661) promosso da Istituto Italiano di Tecnologia, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Università degli Studi di Milano, ora pubblicato sulla rivista “Pharmacological Research”, organo della “International Union of Basic and Clinical Pharmacology”. (La Nazione)

Un composto capace di chiudere la porta attraverso cui il coronavirus entra nelle nostre cellule. I tre inventori, insieme ai loro gruppi, hanno già identificato due aptameri anti-K353 capaci di inibire in modo dose-dipendente il legame della proteina virale Spike alla proteina Ace2 umana, prevenendo in modo efficace l’infezione delle cellule. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr