Bonus edilizi, niente visto di conformità per le fatture pagate prima del 12 novembre

Qualenergia.it ECONOMIA

Chi ha pagato una fattura prima dell’11 novembre per lavori di recupero del patrimonio edilizio, ma in data 12 novembre (quando è entrato in vigore il decreto antifrodi) non ha ancora trasmesso l’opzione per lo sconto in fattura all’Agenzia delle entrate, non ha obbligo di apporre il visto di conformità.

Lo chiarisce la stessa Agenzia […]. Potrebbe interessarti anche:

(Qualenergia.it)

Ne parlano anche altre testate

Le disposizioni e i requisiti tecnici di cui al presente decreto si applicano agli interventi la cui data di inizio lavori sia successiva all’entrata in vigore del presente decreto Ecobonus”), con i relativi allegati, è ancora vigente ed è corretto fare riferimento ad esso, in attesa dell’adozione del suddetto decreto del Ministero della transizione ecologica. (ingenio-web.it)

E’ questo, in sintesi, il punto di vista di Anfit, l’associazione nazionale per la tutela della finestra Made in Italy. (Guida Finestra)

A differenza del superbonus, per gli altri bonus edilizi (bonus ristrutturazione, bonus facciate cc), l’asseverazione riguarda solo le spese non i requisiti tecnici dell’intervento. Detto ciò, manca ancora il decreto che individua i prezzari che possano permettere al tecnico di attestare la congruità delle spese. (Investire Oggi)

Equiparare i bonus casa ordinari al 110% porta con se il rischio di una battuta d’arresto per il settore dell’edilizia. Bonus facciata e ristrutturazione: che mazzata per i lavori in corso. (Investire Oggi)

Bonus edilizi diversi dal Superbonus e DL Antifrodi: aggiornati i software per le comunicazione delle opzioni. I software delle Entrate sono stati adeguati in base a quanto previsto dalla FAQ pubblicata il 22 novembre 2021, per consentire l’invio delle comunicazioni delle opzioni esercitate entro l’11 novembre 2021, per le quali non è richiesta l’apposizione del visto di conformità. (ingenio-web.it)

472/1997, altresì, la responsabilità in solido del fornitore, che ha applicato lo sconto, e dei cessionari, per il pagamento dell’importo corrispondente alla detrazione non spettante e dei relativi interessi Lo ha chiarito direttamente il Ministero delle Finanze, includendo implicitamente anche il bonus facciate. (ConfineLive)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr