Bce lascia i tassi invariati e prevede un aumento del ricorso al Pepp

Bce lascia i tassi invariati e prevede un aumento del ricorso al Pepp
SimplyBiz - Dedicato a chi opera nel mondo del credito ECONOMIA

La Bce (Banca centrale europea) ha deciso oggi di lasciare invariati i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rispettivamente allo 0%, allo 0,25% e al -0,50%.

Operazioni di rifinanziamento. Il consiglio direttivo continuerà a fornire abbondante liquidità attraverso le sue operazioni di rifinanziamento

Decisioni di politica monetaria. (SimplyBiz - Dedicato a chi opera nel mondo del credito)

Se ne è parlato anche su altri media

A cura di Patrice Gautry, Chief Economist at UBP. L’inflazione non spaventa più la BCE, che terrà una linea “aggressivamente” accomodante;. La BCE ha adottato un obiettivo simmetrico di inflazione intorno al 2% a medio termine; nella riunione il board si è concentrato sulla ridefinizione della traiettoria dei suoi tassi d’interesse, senza affrontare il tema del PEPP e più in generale degli acquisti della Banca;. (Wall Street Italia)

"Era quello che mi attendevo - ha detto - ed e' normale cosi'". Cop. (RADIOCOR) 22-07-21 14:50:47 (0395)EURO 3 NNNN (Borsa Italiana)

Laura Naka Antonelli 22 luglio 2021 - 14:55. MILANO (Finanza.com). "Il rialzo dell'inflazione è provocato da alcuni fattori come il base effect e il balzo dei prezzi energetici. L'istituto centrale ha infatti concordato un obiettivo di inflazione simmetrica del 2% nel medio termine. (Finanza.com)

Decisione Bce: nuovo format, stesso contenuto

Non bisogna dimenticare, però, come un euro digitale andrebbe a integrare il contante, senza però fare da sostituto. Dalle prime sensazioni, però, sembra piuttosto chiaro che ci troviamo ancora in una fase sperimentale e prematura in merito qualsiasi tipo di decisione definitiva. (InfoVercelli24.it)

I tassi "rimarranno ai livelli attuali o inferiori fino a quando non vedrà l'inflazione raggiungere il due per cento ben prima della fine del suo orizzonte di proiezione e durevolmente per il resto dell'orizzonte di proiezione" E l'istituto conferma l'orientamento "molto accomodante" della sua politica monetaria. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

L’istituto centrale ha infatti concordato un obiettivo di inflazione simmetrica del 2% nel medio termine Nella riunione odierna la Banca centrale europea ha confermato i tassi di interesse e la dotazione del Pepp, il piano anti-pandemico, ma ha rivisto la sua forward guidance alla luce della revisione della strategia. (Finanzaonline.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr