L'azienda che manda a casa e senza stipendio i lavoratori non vaccinati

Today ECONOMIA

Google, Microsoft e Facebook, invece, richiedono a tutti i dipendenti di essere vaccinati per tornare nei loro uffici

La stragrande maggioranza dei dipendenti Adobe (93%) con sede negli Stati Uniti ha già ricevuto almeno la prima dose del vaccino anti Covid-19.

All'inizio di questo mese, un altro gigante come Ibm ha reso obbligatoria la vaccinazione per i lavoratori, con lo stesso termine dell'8 dicembre. (Today)

Se ne è parlato anche su altri giornali

I lavoratori non vaccinati dovranno sottoporsi a test giornalieri, prima di entrare in ufficio. dipendenti statunitensi di Adobe che entro l'8 dicembre non avranno ricevuto una dose di vaccino saranno lasciati a casa, senza stipendio. (Ticinonline)

Comunque, la compagnia prenderà in considerazione le esenzioni mediche e religiose dei suoi dipendenti prima di procedere alla sospensione. La Mela è, al momento, un'eccezione nel panorama, con Google, Microsoft e Facebook che richiedono a tutti i dipendenti di essere vaccinati per tornare nei loro uffici. (Corriere della Sera)

Anche Ibm ha indicato lo stesso termine per concludere il ciclo vaccinale: chi non lo rispetta verrà messo in congedo non retribuito. Altre aziende, come Apple, optano per tamponi rapidi frequenti; altre ancora, come United Airlines, hanno avviato le procedure di licenziamento (Sky Tg24 )

Vaccinato il 93% dei dipendenti. La stragrande maggioranza dei dipendenti Adobe (93%) con sede negli Usa ha già ricevuto almeno la prima dose del vaccino anti Covid-19. Pertanto la politica aziendale avrà un impatto su una piccola percentuale della forza lavoro del gigante del software (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr