Caso Eitan, a Tel Aviv iniziata la terza e ultima udienza

Per saperne di più:
Sky Tg24 INTERNO

Presso il tribunale della famiglia di Tel Aviv è iniziata la terza e ultima udienza a porte chiuse sulla vicenda di Eitan, il bimbo unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, costata la vita a 14 persone.

C'è anche la figlia Gali Peleg, sorella della mamma di Eitan, che in Israele ha chiesto l'adozione del piccolo.

In aula - dove si discute in base alla Convenzione dell'Aja sulla sottrazione di minori - sono presenti Aya Biran, zia paterna e affidataria della tutela del bambino, e il nonno materno Shmuel Peleg che ha portato il piccolo in Israele senza consenso ed è indagato in Italia per sequestro di persona. (Sky Tg24 )

La notizia riportata su altri media

Il tribunale di Tel Aviv chiamato a decidere se il bambino potrà restare in Israele o dovrà tornare in Italia dove è stato affidato, in via provvisoria, alla zia paterna. A Milano, il prossimo 22 ottobre è in programma un’udienza davanti al tribunale per i Minorenni per discutere dell’affidamento del bambino di sei anni conteso da nonno materno, indagato a Pavia per sequestro di persona aggravato, e la zia paterna (Adnkronos)

In questa terza udienza, cominciata alle 13.30 è stato ascoltato, su invito dei Biran, anche un avvocato esperto di diritto italiano Nella città israeliana si svolge l’ultima udienza a porte chiuse del Tribunale della Famiglia. (Sky Tg24 )

La giudice Iris Ilotovich Segal dovrà stabilire se il caso di Eitan rientra nelle fattispecie previste dalla Convenzione dell'Aja sulla sottrazione dei minori, firmata sia da Italia sia da Israele. (La Provincia Pavese)

Terminate le udienze per l'affidamento di Eitan, la sentenza entro due settimane

Per il verdetto la giudice Iris Ilotovich Segal, che deve stabilire se rinviare il bambino subito in Italia come chiede la zia Aya Biran Nirko, ha a disposizione 2 settimane. Nella seduta, a porte chiuse, sono stati ascoltati numerosi testimoni, tra cui un esperto di diritto italiano (TG La7)

La giudice, dopo aver ascoltato le parti e i loro consulenti, ha 15 giorni per prendere una decisione Le ultime udienza davanti al Tribunale della Famiglia si sono tenute venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 ottobre. (LaPresse)

Tanto avrà a disposizione la giudice Iri Ilotovich Segal per emettere la sentenza di affidamento del piccolo Eitan Biran, il bambino di 6 anni, unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone. Ad occuparsi delle operazioni saranno i Vigili del Fuoco, mentre a supervisionare il tutto ci sarà il collegio peritale nominato dal tribunale (Prima Pavia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr