Petrolio, ecco i veri obiettivi (economici) dei tagli dell'Opec

Start Magazine ECONOMIA

Il taglio dell’Opec alla produzione di petrolio favorisce gli interessi di Mosca e danneggia quelli di Washington, ma non è il frutto di decisioni politiche. Ecco perché Mercoledì l’OPEC+, un’organizzazione che riunisce molti dei principali paesi esportatori di petrolio, si è messa d’accordo per ridurre la propria produzione di greggio di 2 milioni di barili al giorno: è il taglio più profondo in oltre due anni, che equivale al 2 per cento dell’output petrolifero mondiale e che giunge in prossimità della stagione invernale, quando i consumi energetici sono in genere più alti. (Start Magazine)

Su altri giornali

L’incontro di ieri dell’OPEC + a Vienna ha creato non pochi malumori agli Stati Uniti dopo l’annuncio di un taglio dell’offerta di 2 milioni di barili al giorno a partire da novembre 2022 e che si concluderà alla fine del 2023. (FX Empire Italy)

Se si guardava con speranza e fiducia al futuro, questo punto di svolta fa presumere il peggio. Non ci sono buone novità sul fronte benzina . (InMoto)

I rischi di recessione sono in aumento e circa un terzo dell'economia mondiale la sperimenterà tra quest'anno e il prossimo. Come vedrete nel nostro World Economic Outlook aggiornato la prossima settimana, declasseremo la crescita per il prossimo anno, ha sottolineato la direttrice generale del Fmi, Kristalina Georgieva. (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr