Registro elettronico hackerato: disagi in tante scuole italiane

Registro elettronico hackerato: disagi in tante scuole italiane
Per saperne di più:
HDblog INTERNO

Durante il weekend pasquale infatti Axios ha subìto un attacco informatico che ha reso impossibile accedere al registro elettronico.

Il registro racchiude informazioni essenziali per la gestione delle attività scolastiche, tra cui presenze/assenze, ritardi/uscite anticipate/giustificazioni, compiti assegnati, verifiche programmate, pagelle, note e comunicazioni.

Da sapere: il registro elettronico è stato introdotto nel 2012, è uno strumento digitale a cui possono accedere (anche da remoto) insegnanti e studenti. (HDblog)

Ne parlano anche altre fonti

“Inizialmente pensavamo di ripristinare i servizi dei registri elettronici delle 2.500 scuole italiane che gestiamo domani, ma abbiamo deciso di rimandare a venerdì o al massimo a lunedi prossimo. L’azienda si occupa dello sviluppo dei software per la gestione della segreteria scolastica e lo scorso weekend ha subito un attacco hacker che ha mandato in tilt i registri elettronici di 2.500 scuole italiane. (Orizzonte Scuola)

«Ogni rientro in classe, tanto più con l'avallo del Cts, e quindi ad una forma di ordinarietà è sempre positivo. Siamo assolutamente contrari - ha detto Giannelli - a ordinanze come, ad esempio, quella pugliese che scarica le responsabilità sulle famiglie (Il Sole 24 ORE)

Una volta tornata online la procedura per la gestione del protocollo web, le info caricate sui moduli resi disponibili dovranno essere “trasportate” sul registro elettronico. Inoltre, sempre tramite la piattaforma, possono essere contattati dalla scuola stessa per eventuali colloqui. (CorCom)

Registro elettronico hackerato: disagi al ritorno a scuola

“Abbiamo subito un attacco hacker che ha messo fuori uso il nostro sistema di gestione del registro elettronico. Ci hanno chiesto decine di migliaia di euro in Bitcoin ma non abbiamo pagato”. (Il Fatto Quotidiano)

I consigli per professori e studenti. In realtà, sembrerebbe che il ransomware che ha colpito il registro elettronico di Axios sia riuscito a criptare i dati relativi alle credenziali di accesso al servizio utilizzate da insegnanti e alunni. (Cyber Security 360)

Tutto per colpa di un attacco degli hacker chen ha mandato fuiori uso il registro elettronico. Questa mattina l'aggiornamento della situazione: "Stiamo completando le attività di ripristino dell'nfrastruttura ed i test per le verifiche di sicurezza". (QUOTIDIANO.NET)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr