Pesce. La maggior parte degli europei non conosce quello che mangia

Pesce. La maggior parte degli europei non conosce quello che mangia
Per saperne di più:
pesceinrete.com SPORT

I consumatori sono stati scelti a caso tra la folla e non stavano acquistando pesce al momento dell’intervista.

Se hai indovinato più di tre nomi hai superato il risultato ottenuto dalla maggior parte delle persone intervistate.

Allora sei più informato della maggior parte dei consumatori europei.

Ai partecipanti è stato chiesto di identificare attraverso una fotografia ciascuna delle sei specie ittiche rappresentate. (pesceinrete.com)

Se ne è parlato anche su altre testate

Sappiamo che moltissimi vegetali hanno proprio un’azione di contrasto”. Michele Riefoli, Biologo Nutrizionista e membro del Comitato Tecnico Scientifico Assovegan. (Radio Radio)

La nuova offerta di fake meat non è in concorrenza con quella delle grandi catene di hamburger fast food, visto che ben 7000 punti vendita della catena Burger King inizieranno a mettere nei loro menu un “Impossible Whopper” entro la fine dell’anno negli Stati Uniti. (La Repubblica)

Di coloro che hanno affermato di aver avuto in precedenza il coronavirus, 46 hanno affermato di aver seguito una dieta a base vegetale o pescatariana. Vegani e pescatariani (ovvero vegani che mangiano anche il pesce) potrebbero avere meno probabilità di ammalarsi gravemente di coronavirus. (ilmessaggero.it)

La felicità è vegan: lo dice uno studio americano

L’alimentazione vegana protegge dalle malattie, Covid compreso: a dirlo è uno studio pubblicato sulla rivista americana ‘BMJ Nutrition, Prevention and Health’ specializzata proprio sul tema della nutrizione, che mette in relazione l’alimentazione vegana, quindi interamente a base vegetale, con la resistenza alle malattie, in particolare proprio al Covid. (Radio Radio)

Ai partecipanti è stata rivolta la domanda: “Pensando all’ultimo anno della tua vita, come giudicheresti la tua felicità su una scala da 1 a 10?”. E sono proprio queste persone a riportare un punteggio più alto sulla scala della felicità, cioè 7,72/10, contro un 6,77 registrato da chi diventa vegan per evitare la crudeltà sugli animali. (Vegolosi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr