Salvini, il Vaticano e la profezia di Ottaviani

Salvini, il Vaticano e la profezia di Ottaviani
AlessioPorcu.it ESTERI

La via obbligata al centro. Nicola Ottaviani (Foto: A.S.

Se c’è uno che ha sognato la svolta moderata della Lega dall’inizio, quello è Nicola Ottaviani, sindaco di Frosinone e coordinatore provinciale del Carroccio.

Ed è stato sempre lui a spalancare a Salvini i portoni di un certo volontariato che resta lontano dai riflettori.

La danza sugli specchi. Matteo Salvini (Foto: Livio Anticoli / Imagoeconomica). (AlessioPorcu.it)

La notizia riportata su altre testate

E' soddisfatto Matteo Salvini quando lascia il Vaticano, lasciandosi alle spalle, o almeno provando a farlo, anni di diffidenze reciproche. Al "ministro degli Esteri" del Vaticano sarebbe stato consigliato di «ascoltare, di lasciare la parola all’ospite e di essere prudente, per evitare di trasmettere visioni internazionali della Santa Sede attraverso Salvini». (La Sentinella del Canavese)

È l’ipotesi che trapela nei sacri palazzi all’indomani dell’incontro tra il leader della Lega e il ministro degli Esteri di Papa Francesco, monsignor Paul Richard Gallagher, segretario per i rapporti con gli Stati. (Il Fatto Quotidiano)

Parolin contro i no vax: derive violente. E, pensando alle “derive violente” delle manifestazioni dei no vax ammette: “Certo che il problema di oggi è quello di riuscire a parlarsi e a convincerci perché molte volte ognuno di noi ascolta solo se stesso o quelli che parlano come lui invece non si sforza di considerare gli altri punti di vista”. (Imola Oggi)

Parolin: l'11 settembre un trauma, il terrorismo si combatte anche con la cultura

Prego che molti Paesi accolgano e proteggano quanti cercano una nuova vita» Matteo Salvini è stato ricevuto questo pomeriggio in Vaticano dall’arcivescovo inglese Paul Richard Gallagher , segretario per i Rapporti con gli Stati e quindi ministro degli Esteri della Santa Sede. (Corriere della Sera)

“E’ stato lungo e cordiale in cui abbiamo parlato di tanti temi, non solo dell’Afghanistan”. All’incontro in ogni caso da parte vaticana hanno presenziato come testimoni anche due sacerdoti, di cui uno esperto in Medioriente. (L'HuffPost)

Poi quello che ha provocato in tutto il mondo fu un dramma, un trauma…”. Il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, ricorda con queste parole l’orrore avvenuto vent’anni fa a New York, con l’attacco kamikaze alle Twin Towers. (Vatican News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr