Borse Ue in rialzo trainate da Wall Street Da FinanciaLounge

Investing.com Italia ECONOMIA

Il dato ha riportato in primo piano le speranze di un aumento dei tassi meno pronunciato da parte della Federal Reserve a settembre.

Partenza positiva per i listini europei, che seguono l’andamento di Wall Street dopo il rallentamento dell’inflazione americana.

Borse Ue in rialzo trainate da Wall Street. I rialzi registrati a Wall Street dopo il dato sull’inflazione di luglio influenzano positivamente anche i listini europei. (Investing.com Italia)

Ne parlano anche altri media

I mercati europei sono ripartiti stamattina dal dato sull’inflazione statunitense che ha rallentato a luglio più delle aspettative. Per le altre banche centrali, sembrano esserci meno dubbi con la Bce attesa al rialzo di 50 punti base e la Boe altrettanto” (Borse.it)

Il Dow Jones apre in rialzo dello 0,6%, l'S&P 500 guadagna lo 0,6% e il Nasdaq lo 0,6%. L'onda lunga di un dato sull'inflazione di luglio migliore delle aspettative continua a trainare l'entusiasmo degli indici di Wall Street, che iniziano le contrattazioni di giornata sopra la parità. (Milano Finanza)

Vi è stato perfino un calo nei prezzi alla produzione, anch’esso legato al calo dei prezzi energetici, soprattutto petroliferi. Rispetto al mese precedente, l’IPC è rimasto invariato, dopo aver toccato un massimo di 17 anni dell’1,3% e al di sotto delle previsioni dello 0,2%. (Scenarieconomici)

Su base annua i prezzi hanno registrato un incremento del 9,8%, un valore inferiore al consensus (+10,4%) e rispetto al +11,3% del mese precedente (stima preliminare confermata) La diminuzione è attribuibile a un calo dell'1,8% dei prezzi dei beni della domanda finale. (ilmessaggero.it)

Se è la prima volta che ti registri ai nostri servizi, conferma la tua iscrizione facendo clic sul link ricevuto via posta elettronica. Se vuoi ricevere informazioni personalizzate compila anche i seguenti campi opzionali (Borse.it)

Lo ha annunciato il dipartimento del Lavoro americano. - WASHINGTON, 11 AGO - I prezzi alla produzione negli Stati Uniti sono diminuiti a luglio dello 0,5% rispetto al mese precedente, contro le attese degli analisti di un +2%. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr