Lagarde: troppo presto per discutere di fine Pepp, stima inflazione alzata a +1,9%

Lagarde: troppo presto per discutere di fine Pepp, stima inflazione alzata a +1,9%
Milano Finanza ECONOMIA

Il prossimo anno è vista scendere a +1,5% dalla stima precedente di un +1,2% anno su anno.

Tanto che la stima della Bce del pil 2021 dell'Eurozona è stata alzata a +4,6% dalla stima precedente di +4% anno su anno e quella 2022 a +4,7% da +4,1%.

Invariata la stima 2023 a +1,4% anno su anno poiché l'aumento dell'inflazione sottostante è ampiamente controbilanciato da un previsto calo dell'inflazione dei prezzi dell'energia

La presidente della Bce ha, quindi, ribadito che l'attuale ripresa dei prezzi al consumo è dovuta a fattori temporanei. (Milano Finanza)

La notizia riportata su altre testate

Ma questo andamento – continua il documento – “assieme ai progressi sul contenimento della pandemia dovrebbe portare a un notevole rimbalzo dal secondo trimestre di quest’anno in poi”. (SardiniaPost)

KEYSTONE/AP Pool/OLIVIER MATTHYS sda-ats. Questo contenuto è stato pubblicato il 10 giugno 2021 - 17:00. L'istituto ha anche alzato le stime d'inflazione: i nuovi pronostici danno un rincaro all'1,9% per il 2021, all'1,5% per il 2022 e all'1,4% per il 2023 (tvsvizzera.it)

PREMUATURA USCITA DA PEPP. Non è ancora il momento di parlare di una “exit strategy dal Pepp perché è troppo presto”. “Il Consiglio direttivo ha approvato all’unanimità la dichiarazione introduttiva mentre c’è stata qualche divergenza su alcuni aspetti analitici, come il ritmo degli acquisti del Pepp”, ha concluso Christine Lagarde (Yahoo Finanza)

Lagarde (Bce): «L'inflazione non è un pericolo, prematura e rischiosa una stretta monetaria»

"Mentre la Bce potrebbe non decidere di ridurre gli acquisti per il prossimo trimestre, nel medio termine la direzione di marcia è destinata a farsi meno dovish, dato che le prospettive di crescita continuano a migliorare, anche grazie al rapido procedere dei piani vaccinali nell’Eurozona. (Yahoo Finanza)

La Bce mantiene l’impronta altamente accomodante e il PEPP proseguirà a ritmo spedito anche d’estate. Il Consiglio direttivo continuerà a reinvestire il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del PEPP almeno sino alla fine del 2023. (Finanzaonline.com)

L’inflazione infatti nell’Eurozona dovrebbe «aumentare ulteriormente nella seconda parte dell’anno e poi rallentare», ha sostenuto Christine Lagarde. Fornito da Corriere della Sera La presidente della Bce Christine Lagarde. (Notizie - MSN Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr