Rieti, stop alle prime vaccinazioni: protestano i medici di famiglia

Rieti, stop alle prime vaccinazioni: protestano i medici di famiglia
ilmessaggero.it SALUTE

“Noi non vacciniamo più”, si legge sui cartelli di protesta dei medici di famiglia dell’Unità di Cure Primarie Galeno in viale Maraini, a Rieti.

Al momento resta assicurata solo la somministrazione delle seconde dosi.

Stanno indirizzando tutto solo verso gli hub, forse perché più a buon mercato?

All’Unità di Cure Primarie in viale Morroni la situazione è la stessa.

La delusione è tangibile, tra i medici e tra i pazienti, indirizzati ora verso il sistema online della Regione Lazio (ilmessaggero.it)

Ne parlano anche altri media

Se non si invertiranno tali dinamiche a poco a poco i medici si allontaneranno dalla vaccinazione anziché aderire sempre più come sta avvenendo ora». Musumeci, abbiamo vaccinato in meno di due mesi (da Ottobre a Dicembre 2020) oltre 1.200.000 cittadini siciliani per l’influenza e la polmonite. (InSanitas.it)

«Vorrei sottolineare commenta Luigi Martini anche la scorrettezza con la quale è avvenuta l'esclusione dei medici dalla somministrazione Pfizer. A Roma è stato aperto un centro vaccinale dove intervengono attivamente i medici di medicina generale (Il Messaggero)

"Chi si vaccina dal medico di famiglia supera le esitazioni". Cosa succede se i vaccini non arrivano. "È chiaro che siamo considerati ormai terza fila. (Today)

La protesta dei medici di famiglia: "Non siamo fannulloni, i vaccini non ci arrivano"

Il sottosegretario Baruffi, ha ricordato che, dopo un primo bando andato deserto a fine marzo 2020, un nuovo concorso (il 31 marzo 2021) è stato bandito per la copertura del posto di medicina generale per i due comuni. (IlPiacenza)

“La soluzione che ci apprestiamo a mettere in campo – dichiara il Presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas – consentirà di superare molti ostacoli e facilitare ulteriormente il lavoro dei medici di famiglia impegnati nelle vaccinazioni. (Linkoristano.it)

Diversi pazienti sono andati da altri medici a Borgonovo e Castel San Giovanni, che sono distanti da Pianello e Alta Valtidone. La carenza di medici è avvertita dai cittadini dei due paesi che si trovano in collina. (piacenzasera.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr