Torre Annunziata, spaccio con baby pusher: 18 arresti. Posta sui social figlio con pistola: «Tutto tuo padre»

Torre Annunziata, spaccio con baby pusher: 18 arresti. Posta sui social figlio con pistola: «Tutto tuo padre»
Corriere del Mezzogiorno INTERNO

Sempre nel rione, diversi anni dopo, fu uccisa Matilde Sorrentino, madre di uno dei bambini oggetto di violenza, che aveva denunciate l’orrore.

La newsletter del Corriere del Mezzogiorno Se vuoi restare aggiornato sulle notizie della Campania iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Mezzogiorno

Mentre erano in corso sono stati eseguiti tre arresti in flagranza di reato e il sequestro di oltre 70 grammi di stupefacente. (Corriere del Mezzogiorno)

Ne parlano anche altre fonti

E uno di questi bambini, ad appena otto anni, scende in strada a consegnare le dosi. E una delle mamme arrestate pubblica, fiera, sui social network la foto del figlio con una pistola in mano e una posa da camorrista: «Sei uguale a papà». (infodifesa.it)

Sette mamme che senza alcun scrupolo piazzavano dosi di droga in mano ai figli minorenni appena sette e dieci anni e li obbligavano a spacciare. Ma come faceva la droga ad entrare in carcere e ad eludere i controlli meticolosi delle guardie penitenziarie? (Metropolisweb)

La posizione di alcuni ragazzini al vaglio del pm: si può arrivare fino alla revoca della potestà genitoriale (La Repubblica)

Rione Poverelli, mamma fotografa figlio con pistola sui social: “Sei uguale al tuo papà vita mia”

Se il bambino di 8 anni è l’orgoglio di famiglia, un altro di 11 invece è stato insultato dai genitori perché la sera del 26 dicembre non voleva uscire per consegnare la cocaina. Un “orgoglio” per la mamma del pusher minorenne, che sui social ha pubblicato l’immagine e scritto: “Sei uguale a papà“. (Il Sussidiario.net)

Questa spirale o si ferma con il massimo della determinazione o ci saranno sempre più vittime innocenti” dichiara il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli L’unica soluzione è levare la patria potestà sin da piccolissimi ai figli delle famiglie dei camorristi e degli spacciatori. (Salernonotizie.it)

Il messaggio è quanto mai emblematico: “Sei uguale al tuo papà vita mia”. In una foto si nota il figlio di appena sei anni, che indossa un medaglione d’oro al collo, e una pistola (anche se visibilmente finta). (Lo Strillone)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr