Afghanistan, Stato maggiore conferma ritiro truppe straniere e talebani sequestrano 30 soldati

Afghanistan, Stato maggiore conferma ritiro truppe straniere e talebani sequestrano 30 soldati
Sputnik Italia ESTERI

"Il ritiro delle truppe straniere è effettivamente iniziato", ha affermato oggi il generale in una conferenza stampa.

L'annuncio precede la notizia di almeno 30 soldati dell'Esercito nazionale afghano dispersi dopo un attacco dei talebani.

Il capo dello Stato maggiore delle forze armate dell'Afghanistan, il generale Yasin Zia, ha confermato sabato l'avvio del ritiro delle truppe straniere dal Paese. (Sputnik Italia)

La notizia riportata su altri giornali

20 anni dopo Avviato il ritiro delle forze Usa e Nato dall'Afghanistan Biden ha detto che il ritiro degli Stati Uniti sarà completato entro l'11 settembre, il ventesimo anniversario degli attacchi all'America del 2001 che hanno innescato il coinvolgimento militare Usa e Nato in Afghanistan. (Rai News)

All'inizio di questo mese il capo del comando centrale degli Stati Uniti, generale Kenneth McKenzie, ha espresso preoccupazione per gli alti livelli di dipendenza dei militari afgani dall'assistenza degli Stati Uniti. (Sputnik Italia)

In Afghanistan, i talebani hanno minacciato attacchi alle truppe statunitensi che non se ne sono andate nonostante oggi scadesse il termine del ritiro americano negoziato con l'amministrazione Trump. (AGI - Agenzia Italia)

La politica dell'eroina e il ritiro USA dall'Afghanistan

Il bilancio della guerra. Secondo quanto riferito da un alto funzionario americano, il ritiro di tutte le truppe si concluderà prima del ventesimo anniversario degli attentati dell’11 settembre 2001. (Vatican News)

In questi giorni il cielo sopra Kabul e la vicina base aerea di Bagram si è riempito più del solito di elicotteri americani, incaricati di preparare la partenza che terminerà entro l’11 settembre, data del 20mo anniversario degli attentati del 2001 (Ticinonews.ch)

Se la regione di Helmland fosse indipendente, sarebbe il Paese con la maggior produzione di oppio al mondo. Nel 2018 Alfred McCoy aveva lanciato un pesante atto d’accusa nei riguardi della presenza degli Stati Uniti in Afghanistan (Come Don Chisciotte)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr