Coronavirus, il bollettino del 22 febbraio: 9.630 nuovi casi, 274 morti. Tasso di positività al 5,6%

Coronavirus, il bollettino del 22 febbraio: 9.630 nuovi casi, 274 morti. Tasso di positività al 5,6%
La Sentinella del Canavese INTERNO

I nuovi casi positivi Covid registrati in Toscana sono 911 su 10.833 test di cui 9.094 tamponi molecolari e 1.739 test rapidi, con un tasso dei nuovi positivi dell'8,41% (14,3% sulle prime diagnosi).

In Puglia sono in discesa sia i contagi, da 758 a 343, che il taasso di positività, dal 10,7% all’8,2%

Nel Lazio i nuovi positivi scendono da 1.048 a 854 ma i decessi passano da 15 a 24.

In Toscana calano da 968 a 911 i contagi ma il tasso di positività sale dal 6,7 al 10%. (La Sentinella del Canavese)

Su altre testate

Ci hai insegnato tutto, tutto quello che facciamo lo facciamo grazie ai tuoi insegnamenti, e siamo sicuri che, anche da lassù, ci guiderai per perseguire con ogni mezzo i tuoi valori di dono del sangue ma soprattutto dono di sé stessi agli altri” (TorinoToday)

Coronavirus in Italia, il bollettino di lunedì 22 febbraio del Ministero della Salute: i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore sono 9.630 su 170.672 tamponi (ieri erano stati 13.452 su 250.986 tamponi). (Leggo.it)

Anche perché gli esperti sono convinti che con questo ritmo di diffusione la variante inglese del Sars-Cov-2 sarà a breve dominante. Tuttavia, quanto sta succedendo nelle Province dove la variante inglese è sempre più diffusa - vedi quello che sta succedendo a Perugia, Chieti e Pescara - conferma che la variante inglese è molto più contagiosa rispetto a quella originaria. (Money.it)

Covid: un anno di dolore, lotta e rinascita Cosa ti ha lasciato? Raccontacelo

Le persone complessivamente guarite sono 914 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 199.647. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 9,1%. (La Repubblica)

In provincia la colorazione della cartina contagi non è preoccupante, unico caso limite a Presenaio, con più casi Santo Stefano, Pieve di Cadore, Borca di Cadore, Voltago e Gosaldo nell’Agordino, Soverzene. (Radio Più)

Raccontacelo Il 23 febbraio 2020 i primi contagi nella Bergamasca, da allora è passato un anno, dodici mesi che hanno cambiato il nostro modo di vivere. È passato un anno da quel giorno, dodici mesi che hanno cambiato il nostro modo di vivere (L'Eco di Bergamo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr