Arriva anche il Bonus birra: a chi spetta e come fare domanda

QuiFinanza ECONOMIA

La possibilità di accedere al “bonus birra” è riconosciuta a partire dal 20 gennaio e fino alla scadenza del 18 febbraio 2022.

Il cosiddetto “bonus birra” messo a disposizione dal ministero dello Sviluppo economico prevede un finanziamento da 10 milioni di euro destinato ai produttori artigianali della bevanda alcolica che nell’ultimo decennio nel nostro Paese ha conosciuto un vero e proprio boom. (QuiFinanza)

Se ne è parlato anche su altri media

Leggi anche: Nuova IRPEF, Bonus Renzi, detrazioni e busta paga: orientarsi nel 2022. Ma i birrifici artigianali, come detto devono presentare molto rapidamente la domanda perché la finestra per questo fondo perduto è assai breve Ci sono 10 milioni a fondo perduto per quelle aziende che rientreranno nei requisiti previsti dallo Stato. (iLoveTrading)

Getty. E ancora: "I birrifici italiani fanno parte di un settore giovane che è riuscito a valorizzare un'arte antica legata al territorio e alla qualità dei prodotti. (Sky Tg24 )

Il Ministro dello sviluppo ha economico ha elogiato la scelta di molti imprenditori italiani di indirizzarsi sulla produzione di birra artigianale. “Bonus Birra”, tutti i requisiti per ottenerlo. Il “bonus birra” è pari a 0,23 centesimi per ogni litro di birra artigianale prodotta e presa in carico nel registro annuale di magazzino nel 2020 o nel registro della birra condizionata. (Vesuvius.it)

Per birra artigianale si intende la birra prodotta da birrifici indipendenti, e non sottoposta a processi di microfiltrazione e pastorizzazione. Si tratta di un’agevolazione a favore dei produttori di birra artigianale italiani, particolarmente colpiti dall’emergenza sanitaria del Coronavirus e dalle relative politiche di contenimento adottate dal nostro paese. (InvestireOggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr