AVIS: CON OMICRON CALANO LE DONAZIONI “MA CORRERE NON SERVE”

AVIS: CON OMICRON CALANO LE DONAZIONI “MA CORRERE NON SERVE”
Valsassinanews INTERNO

13 Gennaio 2022. MILANO – L’incremento dei contagi da Covid-19 per via della rapida diffusione della variante Omicron sta causando disagi, anche a livello trasfusionale.

Alcune zone del Paese, infatti, segnalano un calo nelle donazioni di sangue a seguito dell’incremento dei casi positivi e, di conseguenza, di persone, e donatori, che hanno contratto o che hanno avuto contatti diretti con positivi al virus. (Valsassinanews)

Ne parlano anche altri media

“La rete organizzativa della raccolta è territoriale: ogni singola Avis ha una specifica necessità di sangue, strettamente connessa non solo alla generosità dei donatori del territorio, ma anche alla programmazione delle donazioni e all’utilizzo che viene fatto delle scorte. (Cremonaoggi)

Insomma, facciamo tutto per assicurare la massima sicurezza nella nostra sede di via Pio XI a Salerno e sui nostri mezzi mobili. E' possibile prenotare telefonicamente la donazione (SalernoToday)

Ma in queste prime settimane la situazione è aggravata ancor più dalla nuova ondata pandemica che costringe donatori e in alcuni casi anche il personale addetto alla raccolta a sottostare a periodi di quarantena, o per aver contratto il virus o per aver avuto dei contatti con persone positive" Secondo quanto denuncia il Cns (Centro nazionale sangue), come ricostruisce l'agenzia Adnkronos, le strutture regionali di coordinamento di Abruzzo, Toscana, Lombardia, Veneto e Lazio hanno fatto appello al sistema di compensazione interregionale e segnali di preoccupazione arrivano anche dal resto d'Italia. (ChietiToday)

Dalla carenza di sangue agli interventi rinviati: ospedali in emergenza

Senza fare allarmismo, il problema esiste ed è oggettivo, a gennaio c’è sempre una flessione nelle donazioni ma quest’anno, anche se al momento non ho i dati precisi, è più accentuata” L’appello dell’Avis Regionale: “Raccomandiamo di attenersi rigorosamente alle indicazioni delle Avis locali di riferimento a garanzia della programmazione e del buon uso di sangue”. (La Provincia Pavese)

Non bisogna avere timore di potersi infettare nel compiere questo gesto unico di solidarietà che salva la vita a chi ha bisogno di sangue” Stampa. Carenza di sangue anche per l’Avis di Salerno. (Salernonotizie.it)

E in chirurgia ora è difficile rispettare anche il calendario delle urgenze (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr