Ungheria, il premier Orban alla messa celebrata da Papa Francesco

Ungheria, il premier Orban alla messa celebrata da Papa Francesco
Per saperne di più:
Corriere TV ESTERI

(LaPresse) Il premier ungherese Viktor Orbán ha preso parte alla santa messa celebrata da Papa Francesco a Budapest.

"Gli ho chiesto di non lasciare che la Ungheria cristiana perisca", ha fatto sapere Orbán

Orbán ha avuto un colloquio di circa quindici minuti con il Papa.

Il Pontefice si è recato nella capitale magiara prima del suo viaggio apostolico in Slovacchia.

(Corriere TV)

Ne parlano anche altre testate

Intervista a mons. Tamás Tóth, segretario generale della Conferenza episcopale ungherese, al termine dalla visita di Papa Francesco a Budapest. Alla fine della Messa, le parole pronunciate dal Santo Padre in ungherese per ringraziare le autorità civili, religiosi hanno riscaldato il cuore di tutti. (Servizio Informazione Religiosa)

E impegnarsi a «promuovere insieme una educazione alla fraternità, così che i rigurgiti di odio che vogliono distruggerla non prevalgano». L’incontro tra il Vescovo di Roma e il primo ministro è avvenuto secondo programma, appena il Papa è giunto nella capitale magiara. (La Stampa)

In particolare Francesco pensa “alla minaccia dell'antisemitismo, che ancora serpeggia in Europa e altrove. È una miccia che va spenta", dice incontrando il Consiglio ecumenico delle Chiese e alcune Comunità ebraiche dell'Ungheria. (Sputnik Italia)

Il Papa incontra Orban

Papa Francesco. Il viaggio apostolico di Papa Francesco a Budapest e in Slovacchia: il primo giorno. Papa Francesco ha lasciato Casa Santa Marta alle prime ore del 12 settembre e alle 6.00 è partito alla volta di Budapest. (News Mondo)

Al termine dell’incontro, il premier ungherese ha fatto sapere di aver chiesto al Pontefice "di non lasciare che l'Ungheria cristiana perisca". La visita pastorale del Papa, che è apparso in buona salute dopo l’intervento di luglio, prosegue in Slovacchia fino a mercoledì. (Euronews Italiano)

Ancora prima di partire per la Slovacchia, Bergoglio lo ha ribadito, auspicando "apertura". Nei campi di concentramento morirono 600'000 ebrei ungheresi, deportati anche grazie allo zelo dell'amministrazione e della polizia magiare (RSI.ch Informazione)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr