Ecco perché lo zitromax non serve contro il Covid

Ecco perché lo zitromax non serve contro il Covid
Fanpage.it SALUTE

I farmaci per curare il Covid. Per bloccare la replicazione di Sars-Cov-2 servono gli antivirali, ovvero molecole in grado di interferire con la replicazione dei virus.

A ribadire l’inefficacia dello Zitromax, e in generale dell’azitromicina, nel trattamento di Covid anche l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) che in una nota ha precisato che “non esistono antibiotici efficaci contro Sars-Cov-2”.

Ecco perché lo zitromax non serve contro il Covid Diventato introvabile nelle farmacie italiane, il noto antibiotico di Pfizer è altamente efficace nel trattamento delle infezioni da batteri ma non ha alcun effetto contro quelle causate da virus, compreso Sars-Cov-2. (Fanpage.it)

Ne parlano anche altri media

I test antigenici. Il medico invece sostiene la necessità di usare i test di ultima generazione per rilevare Omicron "L'azitromicina è un antibiotico antibatterico che serve nella terapia di alcune infezioni batteriche _ spiega _ ma non serve a niente nella cura del Covid". (La Repubblica)

E dietro questa sparizione dai banchi dei farmacisti si nota l’ennesima spinta verso il vaccino. Subito l’Adnkronos, nel parlare della sparizione dello Zitromax dalle farmacie, riporta un parere dell’Aifa: “non esistono antibiotici efficaci contro il Covid”. (Visione TV)

Covid e Zitromax, ‘attenzione’: infettivologo smonta tutto

'uso indiscriminato dell'antibiotico Zitromax per la cura del Covid-19 è un "errore clamoroso": lo dice il professor Matteo Bassetti dopo che negli ultimi giorni circola sempre più la notizia che questo medicinale, la azitromicina (Zitromax è il suo nome commerciale), sia ormai introvabile nelle farmacie italiane e che molti medici di medicina generale lo prescrivano ai loro pazienti per curare ogni tipo di sintomo da Covid. (Primocanale)

– Mentre lo zitromax va esaurito in tutte le farmacie (LEGGI ), l’infettivologo Antonio Cascio, professore ordinario di Malattie infettive e direttore di malattie infettive del centro regionale Aids dell’università di Palermo, pubblica un post che fa molto discutere. (Livesicilia.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr