Kung: “Ritorna l'Inquisizione, più difficile essere cattolici”

La Stampa ESTERI

Più che un dubbio è un timore, e Hans Kung lo esprime con sofferenza di fronte al caso di Eugen Drewermann, il teologo a cui nei giorni scorsi l'episcopato tedesco ha interdetto l'insegnamento.

«Questo fatto dimostra che a Roma pensano di nuovo di poter controllare la Chiesa attraverso l'Inquisizione».

opo il crollo del comunismo, la Chiesa cattolica rimarrà l'ultima istituzione totalitaria?

Questo contenuto è riservato agli abbonati 1€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 3,50 € a settimana Attiva Ora Tutti i contenuti del sito,. (La Stampa)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Era il 1970 e Hans Küng pubblicò Infallibile?, diventato subito uno dei suoi libri più noti e venduti. Il teologo svizzero smontava dall’alto della sua autorevole cattedra accademica di Tubinga, in Germania, il dogma dell’infallibilità del papa, sancito dal […] (Il Fatto Quotidiano)

2' di lettura. La scomparsa del teologo svizzero Hans Küng (nato nel 1928) rende orfano il mondo cristiano di uno studioso attento, critico, profondo. Gran conoscitore del fugace mondo delle note e dell'importanza che esso ricopre, lo ha dimostrato in “Musica e religione (Il Sole 24 ORE)

Il teologo Hans Küng accoglie Benedetto XVI. in Germania con una lunga lista di cose che non vanno. Pubblichiamo l'intervista che Kueng diede al Messaggero dieci anni fa, in occasione del viaggio in Germania di Benedetto XVI. (Il Messaggero)

Gli ultimi tre papi in mezzo ai teocon

Avevamo già indagato come le ipotesi su un Benedetto XVI poco preparato in latino e diritto canonico, o addirittura entusiastico fautore della svolta modernista di Francesco fossero poco credibili. (Liberoquotidiano.it)

Cominciò a deviare platealmente subito dopo, addottorandosi a Parigi con una tesi che difendeva la dottrina del teologo protestante Karl Barth. Non è colpa mia se il personaggio era contrassegnato da quella che Vittorio Messori, dopo un contatto ravvicinato, definì «virulenza» (ilGiornale.it)

Anzi, in un certo senso Ratzinger ne è stato anche la prima vittima ma, alla fine, non si è prestato Una corrente di pensiero che ha avuto protagonisti principali (da Michael Novack a George Weigel) e minori negli Usa. (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr